prestiti inpdap tassi di interesse
Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Scopri come ottenere prestiti Inpdap tassi di interesse agevolati

Finanziamenti Inps a condizioni agevolate 2024

prestiti Inpdap tassi di interesse rappresentano un’informazione molto importante per chi vuole richiedere denaro per diverse finalità, che vanno dalla copertura delle spese sanitarie fino all’acquisto di una casa d’abitazione.

Prima di parlare di prestiti Inpdap tassi di interesse 2024 vediamo di cosa stiamo parlando. I prestiti Inpdap sono prestazioni economiche che vengono erogate agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi lavoratori o pensionati.

I prestiti Inpdap consentono di richiedere diverse somme di denaro e far fronte sia a necessità impreviste, sia a spese importanti pianificate da tempo.

Il piccolo prestito

Iniziamo a parlare di prestiti Inpdap tassi di interesse analizzando il piccolo prestito. Questo prodotto, come già ricordato, consente di richiedere quantità di denaro anche contenute, con l’obiettivo di far fronte a necessità impreviste.

Il piccolo prestito Inpdap, che può essere rimborsato in 12, 24, 36 o 48 rate mensili, è caratterizzato da un tasso d’interesse nominale annuo pari al 4,25%, valore che rimane fisso per tutta la durata del finanziamento.

Questa tipologia di prestito è richiedibile da parte degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi pensionati o in attività di servizio.

Finanziamenti pluriennali

Proseguiamo l’analisi dei prestiti Inpdap tassi di interesse approfondendo la questione dei prestiti pluriennali. Di cosa si tratta?

Sempre di prestazioni economiche erogate agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali – sia lavoratori sia pensionati – che hanno la possibilità di richiedere denaro per coprire spese sanitarie, oneri di ristrutturazione dell’abitazione, spese relative al matrimonio, spese per l’acquisto di ausili ortopedici.

Questi prestiti, rimborsabili con piani di ammortamento della durata compresa tra i 60 e i 120 mesi, sono caratterizzati da un tasso d’interesse nominale annuo del 3,50%, al quale vanno ad aggiungersi le spese amministrative (0,50% della cifra richiesta).

Mutui ipotecari per dipendenti e pensionati pubblici

Chiudiamo la rassegna di prestiti Inpdap tassi di interesse parlando dei mutui ipotecari. Anche in questo caso siamo davanti a una prestazione economica erogata agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, siano essi pensionati o lavoratori.

Con i mutui Inpdap è possibile richiedere un finanziamento per l’acquisto della prima casa d’abitazione per sé o per un familiare, per la ristrutturazione di un immobile già esistente, per la costruzione di un box o di un posto auto come pertinenza dell’abitazione principale. La somma finanziabile varia a seconda dell’intervento che si desidera effettuare, ma in ogni caso non è mai possibile superare i 300 mila euro.

tassi dei mutui Inpdap sono stati modificati nei mesi scorsi. A quanto corrispondono? Per il tasso fisso si parla del 2,95% – prima del 1° luglio 2015 era il 3,75 – mentre il tasso variabile è da calcolare sulla base dell’Euribor 6 mesi, maggiorato di 200 punti base e calcolato su 360 giorni.

Come richiedere i finanziamenti agevolati

Sia per i prestiti che per i mutui ipotecari Inps ex Inpdap la domanda di finanziamento deve essere presentata per via telematizzata. I moduli di richiesta (in formato Pdf) possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale dell’Inps. Ricordiamo inoltre che sul portale Inps sono presenti anche dei manuali utente che indicano come procedere per la presentazione delle varie domande.

Simulazione online

Da sottolineare anche la presenza di servizi per la simulazione dei prestiti e dei mutui Inps ex Inpdap. Si tratta di due servizi accessibili a tutti gli utenti che consentono di avere un quadro completo delle condizioni applicate ai finanziamenti.

Quanti desiderano simulare un piccolo prestito o un prestito pluriennale possono sfruttare un apposito servizio che consente di conoscere tutti i finanziamenti accessibili all’utente. La procedura è molto semplice.

Una volta raggiunto il simulatore (percorso: Home – Prestazioni e Servizi – Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali) l’utente deve selezionare una tra le seguenti modalità di calcolo:

  • simulazione prestito;
  • simulazione per importo specifico;
  • simulazione per rata ideale.

Dopo aver scelto il tipo di simulazione che desidera effettuare, l’utente dovrà solo inserire i dati richiesti nel form di calcolo e fare clck sul pulsante “Simula”. Il sistema proporrà quindi tutti i finanziamenti concessi dall’Inps che soddisfano le preferenze indicate.

Per ogni prestito sono indicate le principali caratteristiche, tra cui tasso d’interesse, importo della rata e spese di amministrazione. Ricordiamo in ogni caso che le simulazioni effettuate con questo servizio sono da considerare meramente informative.

Come calcolare la rata del mutuo

Allo stesso modo quanti desiderano simulare un mutuo ipotecario Inps ex Inpdap possono ricorrere all’apposito servizio. Per raggiungerlo è necessario seguire il percorso: “Home – Servizi – Gestione dipendenti pubblici: gestione mutuo ipotecario edilizio”.

Per calcolare la rata del finanziamento e visualizzare la simulazione del piano di ammortamento è sufficiente inserire nel form di calcolo l’importo desiderato e scegliere il piano di ammortamento desiderato.

Ricordiamo infine che quanti hanno in corso un mutuo ipotecario concesso dall’Inps possono anche simulare l’estinzione anticipata del finanziamento. Per farlo è sufficiente seguire il percorso indicato sopra e, una volta raggiunto il simulatore, selezionare la voce “Simula anticipata estinzione” dal menù di sinistra.

Indice contenuti