Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Ipost per Dipendenti Poste: i Vantaggi dell’Offerta 2017

Quali sono e come funzionano i prestiti Ipost per dipendenti Poste? Si tratta di opportunità contraddistinte da condizioni contrattuali particolarmente competitive erogate dall’Inps. Ecco com’è composta l’offerta.

Prestiti per dipendenti Poste Italiane: le opzioni 2017

I prestiti Ipost per dipendenti Poste sono forniti dall’Inps e coincidono con due prodotti pensati per differenti esigenze. Il Piccolo prestito e i Prestiti pluriennali Gestione Fondi Poste. In entrambi i casi a fruire di quest’opportunità sono i dipendenti di Poste e società collegate.

Il rimborso è su cessione del quinto ma le finalità di utilizzo e gli importi cambiano a seconda del finanziamento esaminato.

Piccolo prestito Ipost: tasso e caratteristiche di rimborso
Il Piccolo prestito ha un piano di rimborso strutturato in 1, 2, 3 o 4 anni, mentre sono disposte somme che vanno da una a otto volte lo stipendio.

Per ricevere il Piccolo prestito il richiedente deve contare su almeno due anni di anzianità di servizio. A differenza dell’altro prodotto Ipost, questo non prevede che il dipendente specifichi la motivazione della domanda.

Molto rilevante e competitivo è il tasso di interesse. È infatti disposto un Taeg fisso corrispondente al 5,00%.

Prestito pluriennale Ipost 2017: cessione su quinto in cinque o dieci anni

Il Prestito pluriennale è l’altra proposta che completa l’offerta Prestiti Ipost per dipendenti Poste. Di cosa si tratta? È un finanziamento che prevede un rimborso in cinque o dieci anni. Come requisito essenziale troviamo quattro anni di anzianità di servizio e la domanda deve fare riferimento agli utilizzi specificati dal Regolamento Inps che potete consultare sul portale ufficiale Inps (inps.it).

Prestiti Inps Ipost: finalità e Taeg

Nel novero degli utilizzi indicati dal Regolamento rileviamo:

  • calamità naturali;
  • acquisto veicoli ecologici;
  • acquisto terreno agricolo o edificabile;
  • acquisto o costruzione della prima casa;
  • interventi condominiali;
  • acquisto o costruzione di garage o box;
  • nascita figlio.

Se si analizza invece il tasso di interesse, l’Inps implica un Taeg del 3,50%.

Per maggiori informazioni sui finanziamenti più competitivi rivolti a dipendenti e pensionati di Poste Italiane, vi rimandiamo alla nostra sezione “Prestiti”.