Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Piccolo prestito per dipendenti postali: analisi dell’offerta

È sufficiente qualche spesa imprevista per non far tornare i conti a fine mese. Ma cosa fare quando i risparmi non bastano? Conviene scegliere un finanziamento, il più conveniente e adatto alle proprie necessità. Il Piccolo prestito per dipendenti postali fornito dall’Inps rappresenta un’ottima soluzione in questi casi. Ecco cosa offre, perché sceglierlo e come richiederlo.

Prestiti per dipendenti di Poste Italiane: durata e importo della rata

Il Piccolo prestito per dipendenti postali permette di ricevere credito senza dover specificare alcuna motivazione. Il piano di rimborso è basato su cessione del quinto, ovvero con una rata non superiore al 20% del valore dell’assegno mensile.

Per quanto attiene la durata, le opzioni sono invece uno, due, tre o quattro anni. A seconda della durata le somme che il beneficiario del finanziamento può conseguire variano da una volta l’assegno mensile a otto volte quest’importo.

A fruire di quest’opportunità d’accesso al credito sono i dipendenti di Poste Italiane e società collegate. Il richiedente deve rispondere a un requisito essenziale: almeno due anni di anzianità di servizio.

Tassi piccoli prestiti ex Ipost Inps 2024

E per quanto attiene il tasso di interesse? È disposto un Taeg fisso corrispondente al 5,00%.

Per valutare l’effettiva convenienza del finanziamento, vi consigliamo di visitare la sezione “Calcolo dimostrativo prestiti” del portale Inps (inps.it).

Piccolo prestito per dipendenti postali: come richiederlo

Per conseguire il Piccolo prestito per dipendenti postali ex Ipost Inps è necessario anzitutto utilizzare il modulo di richiesta. Questo lo potete scaricare dalla nostra pagina Modulistica Prestiti Inpdap.

Alla richiesta vanno aggiunti vari documenti in allegato, ecco quali sono:

  • copia dell’ultima busta paga;
  • certificato stipendiale fornito da Poste Italiane o società collegate al Gruppo mediante il Punto Amministrativo di riferimento;
  • fotocopia del documento di identità.

Come inviare la domanda del Prestito dipendenti Poste

Una volta acquisito tutto il materiale, andrà fornito all’Inps. Le modalità di invio sono due: posta o Web. Per l’invio postale l’indirizzo da utilizzare è Inps – Direzione Centrale Credito e Welfare – Area Prestazioni Creditizie – Via Aldo Ballarin, 42 – 00142 Roma.

Quanti invece intendono procedere con l’invio online, dovranno impiegare i servizi del sito inps.it. L’utente dovrà accedere alla pagina “Servizi on line”.

Da qui andrà selezionato il riferimento “Ipost” e quindi andrà eseguito l’accesso. Il richiedente dovrà inserire il codice PIN, elemento fornito dall’Istituto di previdenza su richiesta del dipendente.

Una volta inoltrata la richiesta via Web, il dipendente dovrà inviare, via fax utilizzando il numero 06/95066463, l’ultima busta paga, la dichiarazione conferimento di mandato nonché il documento di identità. Tutti elementi necessari per l’istruttoria del finanziamento.

Indice contenuti