Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti online Inps 2022: tassi, tabelle e simulazione via web

Il web è un alleato prezioso quando si tratta di selezionare e procedere nell’attivazione del finanziamento più competitivo e adatto alle proprie esigenze operative. Nell’ambito dei prestiti online, quelli Inps occupano una posizione particolare. Permettono infatti di usufruire di tassi di interesse agevolati, semplici processi di rimborso e possibilità di simulazione online. Ma come approfittarne, quali sono i vantaggi assicurati al debitore, come procedere nel calcolo? La guida con tutte le risposte.

Grazie all’Inps opzioni di prestiti online veloci: da dove partire

Un raffronto puntuale delle diverse condizioni di rimborso è più facile sul web. Si possono del resto utilizzare comparatori digitali, ma è semplice anche scaricare le schede tecniche dei finanziamenti e rapportarli direttamente. Si parla spesso, infatti, di prestiti online veloci. L’Inps fornisce una serie di servizi che consentono, via web, di procedere nella richiesta e calcolo. Per questo vengono definiti anche prestiti online Inps.

Questi interessano diverse categorie di beneficiari, passiamo quindi in rassegna le principali opportunità di finanziamento, evidenziando i requisiti basilari, nonché i tassi di interesse aggiornati al 2022.

Prestiti personali Inps 2022: il Pluriennale Diretto e il Piccolo Prestito

Quali sono i prestiti personali accessibili? Una prima tipologia di finanziamenti online Inps coincide con i prestiti rivolti agli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e al personale di Poste Italiane SpA iscritto alla Gestione Fondo Credito ex IPOST. Stiamo parlando del Prestito Pluriennale Diretto e del Piccolo Prestito.

  • Il Pluriennale Diretto può essere richiesto solo per documentate esigenze personali o familiari, riportate nel Regolamento ufficiale dell’Inps. La durata è quinquennale o decennale. Si possono avere quindi piani di rimborso strutturati in 60 o 120 rate mensili. In merito al Taeg aggiornato, basta fare riferimento alla seguente tabella.

  • Come richiederlo online? Dalla homepage bisogna fare click su “Prestazioni e Servizi”. Da qui va individuato il collegamento “Prestazioni”. Usando il filtro tema “Prestiti” è semplice trovare la scheda prodotto del finanziamento. Qui è presente l’opzione di accesso al servizio.
  • Per quello che riguarda invece il Piccolo Prestito, abbiamo un piano di rimborso di 12, 24, 36 o 48 mesi. Mentre gli importi vanno da una a un massimo di otto mensilità (intese come stipendio o pensione netti). In merito al Taeg, presentiamo la tabella riassuntiva.

  • E per le procedure di richiesta online? Vanno seguite le indicazioni già riportate per il Pluriennale diretto, con la differenza che deve essere selezionata la scheda prodotto relativa al Piccolo Prestito.

Cessione del quinto con il Pluriennale Garantito

Il Prestito Pluriennale Garantito non viene fornito direttamente dell’Istituto di previdenza, ma da banche e finanziarie convenzionate. Ciò non ci permette di riportare tutti i tassi applicati (è attiva l’opzione di cessione del quinto). Viene tutelato il debitore a fronte di una serie di scenari:

  • morte dell’iscritto alla Gestione Unitaria per le prestazioni creditizie e sociali prima della conclusione del finanziamento.
  • Cessazione del servizio senza accesso alla pensione.
  • Contrazione dello stipendio dell’iscritto.

Quali sono le caratteristiche del Prestito Small

Destinato agli iscritti in attività di servizio alla Gestione Assistenza Magistrale ex ENAM, il Prestito Small permette di conseguire un importo che non può superare le due mensilità nette dello stipendio del richiedente.

Il rimborso, invece, si realizza in 12 o 24 rate mensili. In relazione all’importo lordo vanno considerati un Tan pari all’1,50%, l’aliquota relativa agli oneri amministrativi corrisponde allo 0,5% e un premio fondo rischi definito rispetto ad età alla scadenza del debitore e durata del finanziamento.

La procedura di richiesta online segue quella già indicata per Prestito Pluriennale Diretto, con la differenza relativa alla selezione della scheda prodotto del finanziamento. Per questa ragione possiamo parlare, anche in questo caso, di prestiti online.

Come eseguire la simulazione online dei prestiti Inps

Per disporre di una valutazione completa, è importante sfruttare il tool di simulazione online implementato sul sito www.inps.it. L’individuazione del servizio è semplice. Una volta raggiunta l’homepage, va individuata la sezione “Prestazioni e Servizi” e quindi “Prestazioni”, per poi passare al servizio specifico, ovvero “Simulazione dei piccoli prestiti o dei prestiti pluriennali”.