Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante: guida

Esistono prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante? Passiamo in rassegna le proposte più interessanti. Questa categoria di clienti, considerata particolarmente svantaggiata per via della mancanza di un reddito fisso, può infatti accedere al credito grazie a diversi prodotti.

Prestiti personali senza busta paga e senza garanzie per casalinghe: il finanziamento cambializzato

Un prodotto molto importante nell’ambito dei prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante è il finanziamento cambializzato.

Basato sulla firma di cambiali, titoli esecutivi con valore forzoso, permette di accedere al credito senza bisogno di avere una busta paga. Come appena detto, la garanzia principale è la firma della cambiale, una vera e propria promessa di pagamento.

Prestito cambializzato: altre informazioni

Il finanziamento cambializzato, essenziale da citare quando si discute di prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante,è caratterizzato da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento, che può raggiungere i 120 mesi.

Il tasso è leggermente più alto rispetto a quello applicato ad altri prestiti. Per quale motivo?

Per il semplice fatto che l’accessibilità da parte di chi non ha una busta paga o risulta iscritto alla Crif come cattivo pagatore o protestato rende il prodotto a rischio, motivo per cui le realtà creditizie tendono a tutelarsi alzando il tasso, sul quale vengono caricati anche i costi di emissione delle cambiali.

Come ottenere un prestito cambializzato: i passi da seguire

Cosa serve per ottenere i prestiti cambializzati? Questi prodotti, molto importanti nell’ambito dei prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante, permettono di accedere al credito anche in mancanza di busta paga e, nel caso delle casalinghe, presentando un’assicurazione sulla vita attiva da almeno due anni.

La suddetta è considerata un requisito preferenziale in generale e necessario per i liberi professionisti.

Sottolineiamo anche che, grazie ai prestiti cambializzati, è possibile richiedere una cifra massima pari a 50.000/60.000€ e che non è necessario presentare un giustificativo delle spese effettuate con la somma in questione.

Prestito su pegno per casalinghe: come funziona?

Un altro prodotto da citare quando si approfondiscono le peculiarità dei prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante è il credito su pegno.

Come funziona? La definizione parla da sola e ricorda che, in questo caso, l’unica garanzia è data da un bene prezioso che il cliente sceglie d’impegnare dandolo appunto in pegno.

Il bene viene valutato da un professionista specializzato e, sulla base del suo parere, si procede all’erogazione di una somma di denaro. Al cliente spetta solo il compito di rimborsarla tramite il piano di ammortamento definito al momento del contratto.

Alla fine di questo processo può riscattare il bene, presentando la polizza al portatore che gli è stata consegnata al momento della sottoscrizione del prestito.

Indice contenuti