Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti personali a tassi più bassi: ecco le soluzioni migliori

Il prestito personale è uno dei prodotti di credito più richiesti. Questi non vuol dire che non si faccia attenzione alle opportunità di risparmio, che significa considerare le soluzioni più valide relative a prestiti personali a tassi più bassi.

Prestiti personali convenienti: chi li offre?

Chi offre i prestiti personali a tassi più bassi? Oggi, considerata la concorrenza importante nel mercato del credito, è sempre più facile trovare prodotti convenienti. Tra le realtà creditizie che li mettono a disposizione è possibile ricordare Findomestic.

I prestiti personali Findomestic hanno anche il vantaggio di essere richiedibili direttamente dal sito ufficiale della società finanziaria. Il cliente deve infatti caricare i documenti d’identità e quelli di reddito e attendere una risposta positiva o negativa sulla fattibilità dell’operazione.

Come funzionano i prestiti personali Findomestic: un esempio concreto

Per avere le idee più chiare sui prestiti personali a tassi più bassi e sui prodotti Findomestic in particolare è utile fare un esempio concreto.

Ipotizziamo perciò la volontà di accedere a una cifra pari a 1.000€. In questo caso, dopo aver selezionato l’alternativa ‘progetti vari’ nei record presenti nella home del sito di Findomestic, il cliente si troverà davanti alla soluzione proposta dalla realtà creditizia.

Nello specifico si parla di un prestito rimborsabile in 18 rate da 59,80€, con TAN e TAEG pari rispettivamente al 9,44 e al 9,86%. Dopo il pagamento regolare d sei rate è possibile accedere all’applicazione di quella minima.

Prestiti personali per dipendenti pubblici: cosa sapere sui tassi

Quando si parla di prestiti personali a tassi più bassi è impossibile non considerare anche le opzioni Inps ex Inpdap. I dipendenti iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali possono infatti accedere a questi prodotti grazie a soluzioni come il piccolo prestito, accessibile anche a chi percepisce un trattamento pensionistico.

Questo prodotto, caratterizzato da un tasso fisso pari al 4,25%, può durare dai 12 ai 48 mesi. Il cliente che intende richiederlo deve prendere in considerazione anche la presenza di spese amministrative pari allo 0,50% della cifra richiesta.

Come si richiede il piccolo prestito Inps?

Il piccolo prestito Inps, senza dubbio annoverabili tra i prestiti personali a tassi più bassi, prevede modalità di richiesta diverse a seconda che il cliente sia un pensionato o un lavoratore.

Nel primo caso è possibile procedere direttamente online dalla propria area personale sul sito ufficiale Inps ex Inpdap. Nel secondo, invece, bisogna trasmettere gli appositi moduli di richiesta alla propria amministrazione di appartenenza, che si occupa poi d’inoltrarli all’Ente.

Il piccolo prestito Inps ex Inpdap, che può essere rinnovato, consente di richiedere una cifra compresa tra una e otto mensilità di stipendio. In caso di pensione vale il limite del quinto cedibile. Ricordiamo inoltre che, in caso di decesso del beneficiario principale, l’Ente non procede al recupero del debito.

Indice contenuti