Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida ai prestiti protestati senza cessione del quinto 2024

Prestiti a protestati 2024

La cessione del quinto è la forma di prestito più facilmente concessa da banche e finanziarie ai protestati che sono alla ricerca di credito. Questo perché si tratta di una forma di finanziamento particolarmente garantita. Tuttavia quanti non hanno la possibilità di accedere alla cessione del quinto possono ricorrere a prestiti protestati senza cessione del quinto.

Ma come trovare prestiti protestati senza cessione del quinto dello stipendio? Sono diverse le soluzioni da tenere in considerazione, tra queste troviamo il prestito con delegazione di pagamento.

Il prestito delega

Si tratta di una forma di prestito che segue le linee guida applicate alla cessione del quinto. Prevede infatti una durata massima pari a 120 mesi e il tasso d’interesse è fisso. La rata mensile viene decurtata direttamente dalla busta paga e non può superare la quota dei due quinti (40%) dello stipendio percepito dal richiedente.

Si tratta infatti di una forma di prestito dedicata esclusivamente ai lavoratori dipendenti. Normalmente è richiesta anche al presenza di un contratto a tempo indeterminato.

Perché scegliere il prestito delega? Solitamente quanti scelgono di richiedere un prestito con delegazione di pagamento sono coloro che dispongono di un contratto di lavoro, ma hanno già in corso altri finanziamenti e quindi il loro stipendio non è considerato idoneo per la cessione del quinto.

I prestiti con delegazione di pagamento infatti sono concessi anche in presenza di altri prestiti. Nello specifico è possibile ottenere prestiti delega anche in presenza di un finanziamento su cessione del quinto dello stipendio. In tal caso infatti è possibile cedere un ulteriore quinto del proprio stipendio. Ragione per cui questo finanziamento è noto anche con il nome di doppio quinto.

Prestiti con cambiali

Nel novero dei prestiti protestati senza cessione del quinto troviamo anche il prestito cambializzato. Si tratta di una particolare forma di finanziamento rientrante nella categoria dei prestiti personali.

Come è facile intuire, i prestiti con cambiali sono caratterizzati dalla presenza di cambiali. Titoli di credito che costituiscono il metodo di pagamento del finanziamento. In altre parole, le rate mensili corrispondono a cambiali predatate che il beneficiario del prestito sottoscrive al momento della stipula del contratto.

Tuttavia la presenza delle cambiali non è una garanzia sufficiente per la banca o finanziaria che eroga il prestito. Per concedere un prestito con cambiali infatti gli istituti di credito richiedono anche la presenza di ulteriori garanzie.

Solitamente è sufficiente un reddito da lavoro. Entrata che deve essere dimostrata da un documento come la busta paga, a pensione o un Modello Unico (in caso di lavoratori atipici, autonomi o liberi professionisti).

Tuttavia possono ottenere prestiti con cambiali anche quanti non hanno un reddito dimostrabile. In tal caso però è necessario poter vantare un bene di proprietà da ipotecare (solitamente un immobile). In alternativa è possibile ottenere prestiti con cambiali ricorrendo alla presenza di un garante, ossia di un soggetto che si impegna a pagare le rate in caso di inadempimento da parte del beneficiario.

Chi li offre

Ma chi eroga i prestiti con cambiali? A differenza di quanto si potrebbe pensare, i prestiti protestati senza cessione del quinto con cambiali non sono molto semplici da trovare. Soprattutto se si vanno a cercare in banca o presso le società finanziarie più importanti. Questi infatti sono istituti di credito specializzati, nella maggior parte dei casi, nella concessione di credito al consumo per famiglie.

Quanti sono alla ricerca di prestiti protestati senza cessione del quinto devono quindi rivolgersi a società finanziarie di dimensioni più piccole. Tra quelle che ad oggi concedono finanziamenti con cambiali troviamo ad esempio TeoremaFin e PrestiMarket.

La prima ha sede in Veneto, ma opera in tutto il Paese. PrestiMarket invece ha sede in Toscana, ma operando online è attiva in tutta Italia. Troviamo poi Sefa Finanziamenti, anche in questo caso la società opera su tutto il territorio italiano ma ha sedi solo in Piemonte e Lombardia.

Cosa sono e come funzionano i presiti tra privati

Un’altra soluzione per quanti sono alla ricerca di prestiti protestati senza cessione del quinto è rappresentata dai prestiti tra privati. A tal proposito è necessario fare una distinzione tra il social lending e i prestiti tra persone. Ma di cosa si tratta?

Il social lending

Il social lending è una forma di finanziamento che prevede la concessione di somme da parte di prestatori privati. Soggetti che si rivolgono a una società specializzata nel settore. Al momento sono poche le società di social lending che hanno ottenuto il via libera dalla Banca d’Italia per operare nel nostro Paese. Tuttavia le offerte di queste società sono molto competitive e gli importi possono anche superare i 10 mila euro. È necessario però precisare che è piuttosto difficile trovare prestiti con social lending per protestati.

Finanziamenti tra persone

Quanti hanno subito un protesto possono però ricorrere ai prestiti tra persone, noti anche come prestiti tra parenti o prestiti tra amici. Si tratta di finanziamenti concessi da un soggetto privato all’altro.

I prestiti tra persone sono una soluzione di finanziamento prevista per legge e possono essere sia a titolo gratuito, che prevedere un tasso d’interesse. Per regolarizzare tale concessione è consigliabile sottoscrivere un contratto di prestito tramite scrittura privata.

È preferibile inoltre fare in modo che il contratto presenti una data certa. Data che può essere dimostrata registrando il documento presso l’Agenzia delle Entrate, oppure richiedendo l’apposizione di un apposito timbro presso un qualsiasi ufficio postale.

Le possibili alternative

Quanti non hanno la possibilità di ricorrere ad alcuna delle soluzioni indicate nelle righe precedenti possono infine ricorrere a delle vie alternative. Si tratta dei prestiti con pegno.

Sebbene si tratti di una soluzione ormai abbastanza datata, vi sono diverse banche e finanziarie che erogano prestiti con pegno. Tra queste troviamo Unicredit, che concede finanziamenti erogati in tempi brevissimi a fronte delle concessione di un bene di valore.

Indice contenuti