Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cessione del quinto Inpdap tassi: guida al credito

I prestiti contro cessione del quinto sono formule di accesso al credito molto vantaggiose, che permettono di ricevere denaro senza presentare garanzie di natura immobiliare. Per questo motivo è bene informarsi su cessione del quinto Inpdap tassi.

Come funziona la cessione del quinto?

Prima di approfondire il nodo cessione del quinto Inpdap tassi è fondamentale capire come funziona il prestito in questione. La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una formula di accesso al credito che si basa sulla trattenuta a monte della quinta parte della busta paga o dell’assegno pensionistico (che non deve essere un trattamento assistenziale o d’invalidità).

In questo modo il beneficiario non deve preoccuparsi di non dimenticare il rimborso e ha la possibilità di richiedere un prestito anche se risulta iscritto all’elenco dei cattivi pagatori o dei protestati (la concessione dei prestiti contro cessione del quinto non prevede il controllo delle banche dati).

Cessione del quinto Inpdap: cosa sapere su tassi e durata

A livello generale è bene ricordare che per quanto riguarda cessione del quinto Inpdap tassi il valore è fisso per tutta la durata del finanziamento e inferiore alla soglia anti usura.

Per quel che concerne invece la durata del piano di ammortamento, questa non può superare i 120 mesi.

Nel caso della cessione della pensione di richiedenti di età particolarmente avanzata è possibile che la durata massima considerata sia pari a 60 mesi.

Tasso cessione del quinto Inpdap: il caso dei prestiti pluriennali diretti

Discutere di cessione del quinto Inpdap tassi significa considerare il caso dei prestiti pluriennali diretti, che possono durare dai 60 ai 120 mesi e che prevedono appunto il rimborso tramite cessione del quinto della pensione o dello stipendio.

Queste prestazioni economiche sono caratterizzate da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento e pari al 3,50% (sono presenti anche spese amministrative corrispondenti allo 0,50% della cifra erogata).

Cessione del quinto BNL: cosa sapere sul tasso

Ultimo esempio che prendiamo in considerazione in merito a cessione del quinto Inpdap tassi è quello della convenzione con BNL Gruppo BNP Paribas, che consente ai dipendenti di richiedere un prestito contro cessione del quinto dello stipendio o della pensione a tassi agevolati.

Analizziamo il caso specifico della cessione del quinto ipotizzando un debito complessivo pari a 30.000€ e una rata mensile di 250€.

In questo caso il tasso sarebbe pari al 5,94%. Il prestito in questione, che può durare dai 24 ai 120 mesi, prevede il versamento di 450€ a titolo di spese di gestione della pratica e di 100€ per le spese d’istruttoria (questa cifra non viene rimborsata in caso di estinzione anticipata della cifra finanziata).

BNL BNP Paribas permette anche di scegliere un prestito contro cessione del quinto della pensione. In tal caso, presupponendo un debito complessivo di 15.000€ e una rata mensile di 150, si avrebbe un tasso del 7,63%.

Indice contenuti