Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Chi eroga prestiti tassi migliori per privati e aziende

Prestiti personali a tassi vantaggiosi 2024

Richiedere un prestito è oggi questione di pochi minuti. Grazie al web e ai comparatori online è infatti possibile completare il processo di richiesta con tempistiche alquanto ridotte. Si tratta senza dubbio di un vantaggio, che però ha poco valore se non si dedica la giusta attenzione ai prestiti tassi migliori.

Ma quali sono i prestiti migliori? A questa domanda non è possibile dare una risposta valida per tutti. Quando si parla di finanziamenti infatti è possibile trovare condizioni più o meno vantaggiose a seconda di chi presenta la richiesta.

Facciamo un esempio. Gli aspiranti imprenditori possono beneficiare di agevolazioni a cui non hanno accesso quanti sono alla ricerca di un prestito personale. Ma passiamo in rassegna le offerte più interessanti del momento.

Piccolo prestito Inps per dipendenti pubblici

Iniziamo a dettagliare le caratteristiche dei prestiti tassi migliori parlando delle proposte dell’Inps ex Inpdap. L’Ente mette a disposizione degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali delle prestazioni economiche. Tra queste troviamo il piccolo prestito.

Si tratta di un prestito non finalizzato, ossia che non richiede quindi la presentazione di un giustificativo di spesa. Prodotti che permette di richiedere fino a 8 mensilità di stipendio o di pensione percepiti dal richiedente. In caso di prestiti a pensionati vale la regola del quinto cedibile.

Caratterizzato da un tasso fisso pari al 4,25%, il piccolo prestito Inps può essere restituito con piani di ammortamento compresi tra i 12 e i 48 mesi. Oltre al tasso d’interesse il beneficiario deve considerare anche il pagamento di una quota per le spese di amministrazione pari allo 0,5%. Previsto anche un premio per il Fondo Rischi Inps.

Presentazione della domanda

Continuiamo a discutere di prestiti tassi migliori ricordando che il piccolo prestito Inps ex Inpdap può essere richiesto in maniera diversa a seconda che il cliente sia un pensionato o un lavoratore. Nel primo caso è possibile procedere direttamente online.

Nel secondo, invece, il processo è un po’ più complesso. II lavoratore deve infatti compilare gli appositi moduli di richiesta, consegnarli all’Amministrazione di appartenenza e attendere che vengano inoltrati all’Ente.

Le proposte di IBL Banca

Anche IBL Banca offre alternative interessanti a chi è alla ricerca di prestiti tassi migliori. In questo caso si parla di un prestito personale con un tasso fisso e conveniente, di un prodotto grazie al quale è possibile richiedere una cifra compresa tra i 2.000 e i 60.000€, ricevendo un esito immediato sulla fattibilità dell’operazione.

Una caratteristica interessante di queste prestazioni economiche riguarda la possibilità di accesso anche a fronte della presentazione di una documentazione minima.

Ricordiamo inoltre che il prestito personale IBL Banca è riservato ai cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 70 anni e agli stranieri che, provvisti di permesso di soggiorno, sono in grado di dimostrare la residenza in Italia da almeno un anno.

Prestiti tra privati

Da considerare nel novero dei prestiti tassi migliori anche i prestiti tra privati. Si tratta di finanziamenti concessi da soggetti privati grazie all’intermediazione di piattaforme specializzate.

I prestiti tra privati, noti anche con il nome di social lending, consentono di ottenere denaro senza il coinvolgimento di banche o finanziarie. Si tratta di una forma di accesso al credito sempre più diffusa nel nostro Paese. Tra le società che si occupano di social lending in Italia ricordiamo Prestiamoci.

Quanti si rivolgono a Prestiamoci possono ottenere somme fino a un massimo di 25 mila euro. Il piano di ammortamento si estender fino a 72 mesi. passiamo quindi ai tassi d’interesse applicati. Tan e Taeg partono rispettivamente da un minimo di 3,9% e 5,4%.

Facciamo un esempio di prestito. Ipotizziamo di richiedere un finanziamento da 10 mila euro da rimborsare in 60 mesi. A queste condizioni, la rata mensile da corrispondere è pari a circa 200 euro. Il tasso d’interesse (Tan) invece è pari al 4,81% mentre il Taeg si attesta al 7,56%.

Prestiti tassi vantaggiosi per aziende

Esistono i prestiti tassi migliori per soggetti privati che vogliono disporre liberamente del proprio denaro, ma anche le prestazioni economiche di questo tipo dedicate alle aziende. In questo caso è impossibile non citare il prestito d’onore. 

Regolamentato dal decreto legislativo 185 del 2000, il prestito d’onore consente di accedere a una cifra erogata per metà tramite contributi a fondo perduto. La restante quota di denaro viene concessa tramite un prestito a tasso agevolato. Solitamente infatti gli interessi applicati ai prestiti d’onore sono inferiori del 30% rispetto a quelli dei prestiti tradizionali.

Il prestito d’onore permette di affrontare per i primi 5 anni le spese necessarie per l’avvio di un’attività imprenditoriale. Questo senza dover rimborsare immediatamente le rate di ammortamento. I pagamenti iniziano infatti dopo un certo lasso di tempo, solitamente 5 anni.

Si tratta di finanziamenti rivolti a quanti vogliono aprire una piccola impresa o una società di franchising. A condizione però che l’attività operi nel settore della produzione di beni o servizi. Essendo delle agevolazioni, spesso i prestiti d’onore sono concessi solo a condizione che almeno la metà dei soci della società che richiede l’agevolazione risultino disoccupati.

Per quanto riguarda le somme erogabili, i prestiti d’onore consentono di ottenere anche oltre i 100 mila euro. Denaro che i beneficiari possono utilizzare per l’acquisto di macchinari o materiale di consumo che risulta necessario per svolgere l’attività. Tra le spese finanziabili figurano anche i costi legati ai canoni di locazione dei locali o la ristrutturazione degli stessi.

Finanziamenti per lavoratori autonomi

Oltre ai prestiti d’onore per nuove imprese troviamo anche finanziamenti per il lavoro autonomo. Linee di credito che rientrano a pieno titolo nella categoria dei prestiti tassi migliori per autonomi.

Vi sono infatti diversi prestiti tassi migliori dedicati ai giovani che desiderano diventare imprenditori. Si tratta di agevolazioni statali gestite da Invitalia, l’Agenzia Nazionale per l’Attrazione d’Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa.

Tra questi ricordiamo i prestiti SELFIEmployment. Si tratta di un piano di investimenti che prevede la concessione di prestiti a tasso zero in favore di giovani under 30. Hanno accesso ai finanziamenti esclusivamente i NEET, ossia i soggetti che sono disoccupati e che non sono impegnati in percorsi di studi o formazione.

I beneficiari dei prestiti SELFIEmployment possono ottenere somme che vanno da un minimo di 5 mila a un massimo di 50 mila euro. Il denaro deve essere rimborsato con un piano di ammortamento che può estendersi fino a 7 anni. Non sono previsti interessi.

Prestito d’onore Inarcassa

Oltre ai prestiti tassi migliori per autonomi gestiti da Invitalia ricordiamo anche il prestito concesso da Inarcassa. Con il nuovo bando relativo ai prestiti d’onore 2024 la cassa degli ingegneri e degli architetti ha definito la concessione di prestiti che consentono di finanziare le spese per l’avvio di uno studio professionale.

Gli interessi sono completamente a carico a Inarcassa. La concessione del capitale avviene grazie alla convenzione stipulata dall’ente con l’Istituto Tesoriere Banca Popolare di Sondrio. Le somme concesse possono andare da un minimo di 5 mila a un massimo di 15 mila euro. Il piano di ammortamento può estendersi fino a 36 mesi.

Chi può ottenerli? Hanno accesso al credito esclusivamente gli Iscritti Inarcassa che hanno meno di 35 anni e che usufruiscono della contribuzione ridotta. Inclusi i giovani che sono riuniti in studi associati e gli iscritti Inarcassa che risultano soci in società di Ingegneria.

Rientrano nella platea dei beneficiari anche le madri professioniste che hanno figli con meno di 16 anni. In questo caso però è necessario che i figli risultino iscritti presso un istituto scolastico.

Indice contenuti