Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Le migliori offerte di prestiti per giovani studenti e lavoratori del 2017

Chi eroga prestiti per i giovani nel 2017

Ottenere liquidità per progetti personali o professionali può essere difficile, soprattutto se si lavora da poco tempo e se non si è riusciti a mettere da parte molti risparmi. Un’impresa, quella di trovare prestiti per giovani, che si fa ancora più ardua considerando l’attuale situazione economica, caratterizzata da una disoccupazione giovanile che si aggira intorno al 40%.

Al giorno d’oggi infatti è molto difficile che un ragazzo possa offrire come garanzia di un prestito una busta paga o un Cud. Ma come fare allora per accedere al credito? In questi casi si può ricorrere ai prestiti per giovani, opzioni ad hoc caratterizzate da elevata flessibilità e da garanzie poco impegnative.

Non solo. Quanti sono alla ricerca di prestiti per giovani per finanziare un percorso di studi o l’avvio di un’attività di tipo imprenditoriale possono ricorrere a prestiti a fondo perduto messi a disposizione dai vari enti pubblici (Unione europea, enti statali e locali) al fine di incentivare lo sviluppo sul territorio. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le alternative per ottenere prestiti per giovani.

Finanziamenti per studenti

Al fine di venire incontro alle esigenze dei giovani che desiderano seguire un percorso di studi ma non hanno le risorse economiche necessarie, alcuni istituti di credito hanno messo a punto dei prodotti dedicati agli studenti.

Come funzionano? Nella maggior parte dei casi si tratta di linee di credito che prevedono la concessione di credito su conto corrente. denaro che rimarrà nella disponibilità dello studente per un determinato periodo di tempo (di solito fino alla fine degli studi) e successivamente verrà convertito in prestito personale.

Il denaro messo a disposizione dalla banca può essere utilizzato sia per il pagamento di master e corsi formativi, che per l’acquisto di libri o per effettuare qualsiasi altra spesa riconducibile alla formazione (ad esempio il pagamento di un alloggio).

Spesso questi prestiti per studenti universitari sono il risultato di una convenzione tra la banca che li concede e i vari atenei. Ipotesi un cui i tassi applicati risultano piuttosto convenienti. In alcuni casi, ma si tratta di una cosa molto rara, una parte del capitale erogato viene concesso a fondo perduto.

L’offerta di Unicredit

Tra i vari istituti di credito che erogano prestiti per giovani studenti universitari troviamo Unicredit che propone il prestito Ad Honorem. Si tratta di un finanziamento dedicato esclusivamente agli studenti degli atenei convenzionati con la banca e consente di accedere a somme fino a 27.700 euro.

Denaro che viene messo a disposizione dello studente attraverso una linea di credito sul suo conto UniCredit che può avare durata variabile. Questa dipende infatti dal tipo di corso di studi che il beneficiario ha deciso di intraprendere.

Una volta terminato tale periodo, il credito verrà trasformato in un prestito personale che dovrà quindi essere rimborsato. Ovviamente questo vale solo per la somma che lo studente ha effettivamente utilizzato.

Tuttavia è necessario precisare che se allo scadere del periodo previsto per la linea di credito, lo studente non ha ancora trovato un lavoro che gli consenta di rimborsare il prestito, questi può scegliere di procrastinare i pagamenti.

È possibile infatti richiedere il beneficio del cosiddetto periodo di grazia. Si tratta di un periodo durante il quale lo studente ha la possibilità di non rimborsare il prestito (né il capitale né gli interessi). Il periodo di grazia può durare al massimo per due anni e non comporta la maturazione di ulteriori interessi.

Alla fine del periodi di grazia però sarà indispensabile iniziare a rimborsare il prestito con un piano di ammortamento a rate mensili. Il rimborso può andare da un minimo di 12 fino a un massimo di 180 mesi.

Finanziamenti agevolati per imprenditori

Finora abbiamo visto i prestiti dedicati ai ragazzi che desiderano affrontare un percorso di studi, ma questi non sono gli unici a poter ottenere prestiti per giovani. Sul mercato infatti è possibile anche reperire finanziamenti per chi desidera avviare un un’attività di tipo imprenditoriale.

Credito che può essere concesso sia tramite i Fondi Europei, che attraverso bandi di concorso indetti da enti statali o locali. In entrambi i casi l’accesso alle agevolazioni prevede il possesso di specifici requisiti, indicati dai relativi bandi.

Non è dunque possibile delineare delle caratteristiche generali per i prestiti per giovani imprenditori. Per conoscere tutte le informazioni in merito ai requisiti da rispettare e alla modalità di presentazione della domanda di ogni agevolazione è quindi necessario fare riferimento al sito ufficiale dell’ente che lo eroga.

Contributi a fondo perduto e a tasso agevolato

In ogni caso ricordiamo che i prestiti per giovani imprenditori possono presentarsi in due forme, ovvero come prestiti a fondo perduto oppure come finanziamenti agevolati.

I più comuni sono i finanziamenti agevolati, che consentono di rimborsare la somma ottenuta beneficiando di tassi d’interesse particolarmente vantaggiosi, in alcuni casi anche a tasso zero. Altro vantaggio è rappresentato dal fatto che il piano di rimborso può risultare anche molto esteso nel tempo, arrivando anche intorno ai 10 anni.

Diversa invece la questione quando si parla di prestiti a fondo perduto. In questo caso infatti la somma erogata, o parte di essa, non deve essere rimborsata e sull’eventuale quota da restituire si applica un tasso d’interesse agevolato.

Si tratta quindi di una forma di accesso al credito estremamente vantaggiosa, ma che tuttavia ha anche alcuni lati negativi. Primo su tutti il fatto che i contributi sono spesso limitati e l’accesso al credito, anche una volta ottenuta l’ammissione alle agevolazioni, può richiedere tempi piuttosto lunghi.

Come funziona il prestiti Garanzia Giovani 2017

Quando si parla di contributi per il sostegno all’auto-imprenditorialità è impossibile non citare i prestiti Garanzia Giovani 2017. Si tratta di finanziamenti concessi, attraverso uno specifico fondo europeo, ai ragazzi con meno di 29 anni che desiderano avviare un’attività.

Il programma ha lo scopo di guidare gli aspiranti imprenditori nella fase di avvio a realizzazione dei loro progetti. Garanzia Giovani prevede la concessione di incentivi economici fino a un massimo di 50 mila euro (minimo 5 mila) da rimborsare con un piano di ammortamento che può estendersi anche per 7 anni. I beneficiari hanno inoltre la possibilità di partecipare a un percorso di formazione mirata.

I contributi sono concessi dall’ Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, che si occupa sia di valutare le domande che della concessione del credito. Ricordiamo che i finanziamenti prendono il nome di SELFIEmployment.

Piccoli prestiti bancari per i giovani lavoratori

Nel novero dei prestiti per giovani non troviamo solo i finanziamenti dedicati agli studenti e a quanti desiderano avviare un’attività, ma anche dei veri e propri prestiti personali dedicati ai giovani lavoratori.

Essendo prodotti dedicati ai lavoratori più giovani, questi finanziamenti presuppongono la presenza di un’anzianità lavorativa ridotta, e di conseguenza prevede la concessione di somme piuttosto basse. A tal proposito è possibile valutare diverse opzioni di piccolo prestito proposte sia da istituti di credito sia da società finanziarie.

Tra le varie alternative al proposito si può ricordare quella proposta da IBL Banca. Quali sono le caratteristiche dell’offerta? La possibilità di chiedere un finanziamento a partire da 2 mila euro, la personalizzazione delle rate mensili e il tasso fisso per tutta la durata del piano di ammortamento.

Prestito Duttilio di Agos

Nel novero dei prestiti per giovani è possibile ricordare anche quelli concessi da Agos, che consentono di richiedere finanziamenti ottenibili in poco tempo e di usufruire di un grado di flessibilità molto vantaggioso.

Un esempio concreto? Il prestito Duttilio, grazie al quale è possibile ottenere fino a 30 mila euro. Tra le peculiarità di questa tipologia di prestito si può citare la mancanza di penale in caso di estinzione anticipata, la possibilità di variare l’importo delle rate o di congelare il pagamento per non più di tre volte nel corso del piano di ammortamento.

L’offerta di BPM

Anche BPM propone un’opzione ad hoc riguardante i prestiti per giovani. Di cosa si tratta? Di Presta Small BPM, una tipologia di finanziamento che consente di richiedere fino a 3.000€ e di rimborsare la cifra ottenuta tramite rate mensili (da un minimo di 12 fino a un massimo di 48).

Anche in questo caso siamo davanti a un prestito flessibile, che consente al beneficiario di congelare il pagamento delle rate in caso di difficoltà momentanea (massimo una mensilità all’anno).

In seguito a 18 mesi di regolare versamento è possibile richiedere un credito aggiuntivo, che non può essere superiore al 30% della somma erogata all’inizio del piano di ammortamento.

Cosa sono le linee di credito

Un’altra scelta utile per quanto riguarda i prestiti per giovani è la linea di credito. Di cosa si tratta? Di una somma di denaro che un operatore economico – che può essere un istituto di credito o una finanziaria – mette a disposizione di un soggetto privato o di un’azienda, definendo al momento del contratto le modalità di rimborso e l’ammontare massimo del finanziamento.

Le linee di credito sono generalmente associate a un conto corrente, ma anche a una carta di credito o di debito. La loro validità è effettiva fino a eventuale revoca e non prevedono spese relative alla gestione e al mantenimento.