Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti veloci senza busta paga: quali sono e come funzionano

La crisi di questi anni ha portato sempre più persone a trovarsi nella necessità di accedere al credito anche in mancanza di un lavoro. In questi casi è utile fare riferimento ai prestiti veloci senza busta paga, prodotti sempre più diffusi.

Prestiti immediati a chi non ha busta paga: i finanziamenti cambializzati

Come appena ricordato, i prestiti veloci senza busta paga comprendono i finanziamenti cambializzati, che stanno conoscendo una nuova popolarità dopo diversi anni di calo delle richieste. Questi finanziamenti personali si basano sulla firma di cambiali, che devono essere onorate dal beneficiario del prestito entro una data stabilita al momento della sottoscrizione del contratto.

Prestiti con cambiali: quali garanzie sostitutive in mancanza di busta paga?

Quando si discute di prestiti veloci senza busta paga e di finanziamenti cambializzati in particolare è necessario ricordare che, in mancanza di reddito sicuro, viene presa come garanzia principale la titolarità di una polizza vita attiva da almeno due anni (si tratta di un requisito fondamentale per l’accesso ai prestiti cambializzati in caso di richiedente libero professionista).

Molto importante è sottolineare che tra i vantaggi di questi piani è possibile ricordare anche la possibilità di effettuare richiesta di accesso al credito in caso d’iscrizione all’elenco dei cattivi pagatori o dei protestati (l’erogazione dei prestiti cambializzati non è infatti subordinata al controllo delle banche dati).

Prestiti per chi non ha una busta paga: cosa offre Poste Italiane?

I prestiti veloci senza busta paga, come già specificato, sono sempre più diffusi. A tal proposito è utile approfondire la proposta di Poste Italiane, che mette a disposizione di chi non ha una busta paga il prestito SpecialCash Poste Pay.

Come funziona questo piano? Iniziamo a descriverlo ricordando che il cliente può scegliere tra tre scaglioni, pari rispettivamente a 750, 1.000 e 1.500€.

Prestito SpecialCash Poste Pay: specifiche fondamentali

Entriamo ancora più nel vivo di SpecialCash Poste Pay, una delle alternative più vantaggiose per chi è alla ricerca di prestiti veloci senza busta paga, sottolineando che questo prodotto è richiedibile da soggetti di età compresa tra i 18 e i 70 anni e possessori di una carta prepagata PostePay, sulla quale viene accreditato il prestito.

Il cliente interessato a questo prodotto non ha solo la possibilità di scegliere tra tre scaglioni di reddito, ma anche di trovare l’opzione più adatta alle proprie esigenze tra tre alternative di durata del piano di ammortamento, corrispondenti rispettivamente a 15, 20 e 24 mesi.

Ricordiamo anche che il prestito in questione prevede specifici costi mensili a seconda dell’entità del capitale erogato. Si parte da un minimo di 4,50€ mensili – costo per il piano di ammortamento di 15 mesi – per arrivare a un impegno di 9€ al mese in caso di prestito della durata di 24 mesi.

Indice contenuti