Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Preventivo prestiti: ecco come risparmiare sul tuo finanziamento

Oggi, grazie al web, è possibile informarsi sui prestiti e completare le richieste in maniera molto rapida. Per questo dobbiamo dire grazie ai comparatori, che consentono di visionare preventivo prestiti e di capire se ci si trova davanti a un piano davvero conveniente per le proprie esigenze.

Preventivi prestiti personali: qualche informazione

Il preventivo prestiti è utile in tanti casi, in primo luogo in quello dei prestiti personali. Questi prodotti, che consentono di accedere al credito senza presentare giustificativi di spesa, sono caratterizzati da cifre contenute ma comunque capaci d’incidere sul bilancio di una famiglia o di una singola persona.

Per questo motivo è utile avere le idee chiare sull’impegno economico che comportano. Come è possibile riuscirci? Per fortuna oggi molte realtà creditizie permettono di calcolare il preventivo di un prestito personale direttamente dalla home del sito ufficiale, inserendo parametri come la cifra richiesta e la durata del piano di ammortamento.

Come richiedere un preventivo on line: quali realtà permettono di farlo subito

Quali sono le realtà creditizie che permettono di calcolare subito il preventivo prestiti? Tra le più celebri è possibile includere Findomestic e Agos Ducato.

Queste due società finanziarie, che permettono di richiedere il prestito direttamente online grazie al vantaggio della firma digitale, danno anche modo di farsi un quadro generale dell’entità di un prestito inserendo informazioni relative alla cifra richiesta e alla durata del piano di rimborso.

Una volta trovata l’alternativa più adatta alle proprie esigenze – sulla base delle richieste dei clienti ne vengono presentate diverse – è possibile procedere con l’invio dell’istanza caricando online i documenti di reddito e quelli d’identità.

In circa 48 ore si riceve una risposta sulla fattibilità dell’operazione.

Preventivi prestiti Inps: come calcolarli

Un caso a parte rispetto a quelli elencati fino ad ora riguarda il preventivo prestiti Inps. L’Ente mette a disposizione dei lavoratori e dei pensionati diverse alternative di prestito, i cui preventivi cambiano a seconda della finalità.

Se si prende come esempio il piccolo prestito, che permette di accedere a una cifra compresa tra una e otto mensilità di stipendio, il preventivo prevede la necessità di considerare questo aspetto, così come la possibilità di scegliere un piano di ammortamento della durata compresa tra i 12 e i 48 mesi.

Un altro dato importante è il tasso, che è fisso per tutta la durata del rimborso e che corrisponde al 4,25%. L’iscritto alla Gestione unitari delle prestazioni creditizie e sociali deve considerare anche la spesa amministrativa, pari allo 0,50% della cifra richiesta.

Preventivi prestiti Inps ex Inpdap: ecco cosa sapere

Concludiamo questa guida dedicata al preventivo prestiti parlando dei dati necessari per calcolare quello di un mutuo Inps ex Inpdap.

In questo caso bisogna considerare la finalità – acquisto della casa, ristrutturazione, costruzione di un box o di un posto auto – che influisce sulla cifra massima richiedibile.

Chi vuole acquistare casa può infatti richiedere fino a 300.000€, chi invece vuole ristrutturarla può accedere a una cifra massima pari a 150.000€, in ogni caso inferiore al 40% del valore dell’immobile. Per la costruzione di un box si parla di una cifra non superiore a 75.000€.

Il secondo dato è invece il tasso che può essere fisso e pari al 2,95% o variabile e corrispondente all’Euribor 6 mesi maggiorato di 200 punti base e calcolato su 360 giorni.

Indice contenuti