Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Tutto ciò che devi sapere sul regolamento prestiti Inpdap 2019

I contenuti del regolamento prestiti Inpdap 2019 sono il criterio di orientamento normativo che devono tenere in considerazione coloro che intendono richiedere i finanziamenti. Ma quali sono gli aspetti più importanti, quali i tassi, i requisiti e i sistemi di richiesta? Facciamo chiarezza.

Perché richiedere i prestiti ex Inpdap Inps 2019

I finanziamenti ex Inpdap hanno ottenuto notorietà nel mercato dei prestiti perché sono, allo stesso tempo, sia una proposta competitiva per le condizioni di rimborso, sia una soluzione alternativa ai comuni prestiti bancari.

Vagliando i contenuti riportati nel regolamento prestiti Inpdap 2019 si possono rilevare i fattori che concorrono nella costituzione del processo di rimborso. I finanziamenti differiscono in misura sensibile l’uno dall’altro, vediamo quindi gli elementi in comune, le diversità e i sistemi che ne permettono il computo online.

La prima proposta che andiamo a trattare è il Piccolo prestito ex Inpdap. Come gli altri finanziamenti ex Inpdap, è una linea di credito pensata per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Sul piano del tasso di interesse, ha un TAN fisso del 4,25% che è associato a progetti di restituzione del credito che variano da 12 a 48 mesi.

Il rimborso è influenzato anche dalle spese, vengono coinvolte, in particolare, quelle amministrative, che corrispondono allo 0,50%, e il premio rischi.

Non va sottostimata l’importanza delle somme che può conseguire l’iscritto: da una a due volte lo stipendio per ogni anno che compone il percorso di ammortamento. Il Piccolo prestito deve inoltre la sua popolarità all’essere slegato da particolari impieghi.

Il Prestito pluriennale diretto è invece un finanziamento finalizzato. Gli utilizzi ammessi sono quelli riportati ovviamente nel regolamento prestiti Inpdap 2019.

Elencheremo solo alcune delle finalità: trasloco, opere condominiali, acquisto dell’automobile, nascita figli, matrimonio, acquisto o costruzione della casa e casi eccezionali. Se posto a confronto con il precedente finanziamento, il Pluriennale risulta vantaggioso in termini di tasso di interesse: 3,50%. Vi sono comunque le spese che abbiamo già citato.

Vi sono poche opzioni quanto alla durata, c’è il prestito quinquennale e quello decennale. Non cambia la modalità di restituzione del credito che si produce su cessione del quinto.

Domanda online prestiti Inps e le modalità di calcolo

Vanno infine trattati i sistemi che possono essere impiegati per la richiesta del finanziamento. Quello basilare è il Web, o per essere più precisi i servizi online di inps.it.

I pensionati possono fare uso anche di altri iter di richiesta: il Contact center (per la rete fissa 803 164; per quella mobile 06 164 164) e i patronati.

Restando in tema di funzionalità di inps.it, Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali è il servizio destinato all’elaborazione del calcolo.