Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cosa devi fare per compiere il calcolo rata mutuo ipotecario Inpdap 2018

Gli strumenti online sono di primaria importanza per constatare i connotati di rimborso dei finanziamenti. Grazie alle nostre istruzioni sul calcolo rata mutuo ipotecario Inpdap 2018, puoi comprendere quale sarà il tuo futuro percorso di estinzione del debito, con scadenze, rata, e tutti gli altri particolari.

Con la simulazione online ex Inpdap Inps 2018 puoi conoscere il tuo piano di rimborso

Sebbene a prima vista possa apparire un’operazione delicata, il calcolo rata mutuo ipotecario Inpdap richiede poche azioni da compiere davanti al proprio PC, interagendo con il sito www.inps.it.

Una volta nella home, nel menù di navigazione orizzontale posto nella parte superiore clicca su “Tutti i servizi”. Ti saranno così forniti, sotto forma di elenco, i servizi online.

Scorri nel “filtro per tema” fino all’opzione “mutui” e attiva la ricerca rispetto a questo parametro. La funzione che devi adoperare per il calcolo rata mutuo ipotecario Inpdap è “Gestione dipendenti pubblici: simulazione piano di ammortamento mutui ipotecari”.

Non ti resta che avviare la simulazione immettendo i dati richiesti dal sistema di calcolo. Sarai chiamato, ad esempio, a inserire il presunto valore della tua abitazione.

Una volta inseriti i parametri richiesti, conoscerai le caratteristiche del progetto di rimborso.

Acquistare la prima casa con il mutuo ex Inpdap 2018: cosa prevede il Regolamento

La fruizione del mutuo è una possibilità per gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Stiamo parlando dei dipendenti che hanno un contratto lavorativo a tempo indeterminato e dei pensionati.

Quanto al rimborso, sul piano temporale ci sono varie prospettive: 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Tieni in considerazione comunque che se l’iscritto ha almeno 65 anni, il rimborso verrà distribuito in 10 o 15 anni.

Da una parte abbiamo il tasso fisso deciso con il sistema LTV (loan to value), mentre quello variabile è pari all’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base.

Quali sono le cifre che può ricevere l’iscritto? Ci sono delle soglie massime da rispettare che sono definite in rapporto all’utilizzo. 300mila euro è la somma limite nell’eventualità di acquisto o costruzione.