Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti pensionati Poste Italiane 2015

Prestiti pensionati Poste Italiane cessione del quinto

Lo status di pensionato permette l’accesso a un gran numero di finanziamenti, ma c’è una formula specifica che riduce le pratiche, le garanzie e i tempi di erogazione: la cessione del quinto. Si tratta di una modalità di rimborso che prevede la trattenuta diretta da stipendio o pensione della rata, la quale non può superare un quinto dell’assegno mensile.

Le garanzie coincidono con la stessa pensione percepita, mentre le somme erogate sono da porre in rapporto all’entità della pensione, con piani di rimborso che raggiungono i 10 anni. Nel novero delle offerte più convenienti abbiamo scelto di analizzare i prestiti pensionati Poste Italiane.

Sono un prodotto finanziario rivolto a pensionati, sia Inps che Inpdap, e dipendenti pubblici. Le richieste si realizzano anche in assenza di conto corrente postale o bancario e si può procedere nell’estinzione di altri finanziamenti. Lo si può ottenere anche se il beneficiario sta già sostenendo il rimborso di altri prestiti o presenta difficoltà d’accesso ad altre formule di accesso al credito.

Prestito Poste, Quinto BancoPosta Pensionati INPS e INPDAP

Passiamo in rassegna tutte le caratteristiche dei prestiti pensionati Poste Italiane basati sulla cessione del quinto. Il primo prodotto è Quinto BancoPosta Pensionati INPS e INPDAP:

  • il rimborso si realizza con una rata che è trattenuta in modo diretto dalla pensione, la sua entità non può superare un quinto dell’assegno mensile;
  • la somma erogata è a porre in rapporto all’entità della pensione, come da Certificazione dell’Ente Previdenziale rilasciata in Ufficio Postale;
  • il piano di ammortamento vari dai 36 ai 120 mesi;
  • è disposta una copertura assicurativa sulla vita, che è obbligatoria per legge, ma risulta a carico dell’ente erogatore;
  • tra i vantaggi abbiamo l’assenza di spese per estinzione anticipata e commissioni accessorie.

Se il richiedente è un dipendente, il prestito di Poste Italiane su cessione del quinto è Quinto BancoPosta Dipendenti Pubblici, eccone le caratteristiche:

  • il rimborso, come nel caso precedente, è basato su una rata, trattenuta diretta sullo stipendio, che non può superare un quinto dello stipendio;
  • è necessario che il richiedente sia di cittadinanza italiana e con un contratto a tempo indeterminato;
  • i beneficiari sono Dipendenti Pubblici delle Amministrazioni statali (con stipendio pagato dal MEF, gestito tramite Credito Net), e dell’Arma dei Carabinieri;
  • la somma erogata è decisa dallo stipendio, in rapporto al quinto cedibile e dalla durata del piano di rimborso;
  • la durata va dai 36 ai 120 mesi;
  • è prevista una assicurazione per la copertura del rischio di premorienza e di perdita di impiego, gli oneri sono sostenuta dalla cessionaria;
  • l’età del richiedete può andare da 18 a 65 anni.

Indice contenuti