Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cosa sapere sui prestiti Inpdap consolidamento debiti, importi e rimborso

Come ottenere prestiti per consolidamento debiti Inpdap

Con la crisi economica sempre più famiglie si trovano a dover richiedere prestiti e finanziamenti per affrontare spese piccole e grandi. Con il passare del tempo però può succedere che le rate da sostenere diventino troppo pesanti. Situazione in cui dipendenti e pensionati pubblici possono ricorrere ai prestiti Inpdap consolidamento debiti.

Nell’offerta prestiti Inpdap troviamo i prestiti pluriennali. Stiamo parlando di finanziamenti che consentono di ottenere somme importanti con le quali affrontare spese importanti, che devono rientrare tra quelle ammesse dal Regolamento Prestiti Inps.

Tra le finalità contemplate dall’Inps ve ne è una riconducibile al consolidamento debiti. Il Regolamento prevede infatti la concessione di prestiti per riduzione o anticipata estinzione di un mutuo ipotecario sottoscritto dal richiedente o dal coniuge. Non sono previste limitazioni per quanto riguarda le finalità del mutuo, che può essere stato richiesto a qualunque titolo.

Importi finanziabili e rimborso

Richiedendo i prestiti Inpdap consolidamento debiti è possibile ottenere la somma necessaria per estinguere il mutuo in corso. In questo modo il beneficiario potrà concludere il rapporto con la banca o società finanziaria che ha concesso il mutuo.

La somma finanziabile viene definita in base all’importo del mutuo che si desidera estinguere o ridurre. A tal proposito è necessario che il richiedente alleghi alla domanda tutta un documento redatto dalla banca mutuante.

Nel suddetto documento deve essere specificato l’importo necessario a estinguere il mutuo (in modo parziale o totale), nonché i dati identificativi dell’immobile oggetto dell’ipoteca. L’istituto bancario deve inoltre specificare a quale titolo è stato concesso il finanziamento.

Per quanto attiene alla durata del piano di ammortamento, il capitale viene rimborsato in 10 anni. Il tasso di interesse è sempre fisso al 3,5%. Sull’importo lordo del finanziamento si applica inoltre un’aliquota dello 0,5% per la definizione delle spese di amministrazione.

I prestiti pluriennali Inps ex Inpdap sono prodotti basati sulla cessione del quinto dello stipendio. Le rate di ammortamento sono infatti decurtate direttamente dalla busta paga o dalla pensione mensile del beneficiario.

Richiesta prestiti Inpdap 2024

Ora che abbiamo visto quali sono le caratteristiche dei prestiti Inpdap consolidamento debiti, passiamo alla questione della domanda. La richiesta deve essere trasmessa per via telematizzata, utilizzando l’apposito servizio messo a disposizione dall’Inps.

I dipendenti pubblici in attività di servizio inviano la richiesta per il tramite dell’Amministrazione di appartenenza. I pensionati invece possono trasmettere la richiesta direttamente online. Sul sito ufficiale dell’Inps è infatti presente un servizio che permette di inviare la domanda online. In tal caso è richiesta l’autenticazione con Pin Inps.

Alla domanda di finanziamento è necessario allegare i seguenti documenti:

  • autocertificazione dello stato di famiglia;
  • titolo di proprietà dell’immobile oggetto di ipoteca;
  • atto di finanziamento;
  • documento della banca mutuante in cui sono indicate le principali caratteristiche del mutuo.

Ricordiamo infine che sul sito ufficiale dell’Inps è presente un servizio che consente di effettuare una simulazione online.

Indice contenuti