Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti pensionati Inps come fare per ottenerli? Le soluzioni

Prestiti pensionati Inps come fare per ottenerli? Sono finanziamenti molto apprezzati poiché ritenuti vantaggiosi, merito dei tassi, tra i migliori del mercato, e delle rate sostenibili. Il piano di rimborso può arrivare a 120 mesi. Quali sono i prodotti disponibili, che condizioni prevedono e come ottenerli? Scopriamo insieme tutte le risposte.

Piccolo prestito Inps Inpdap: cosa offre ai pensionati

Prestiti pensionati Inps come fare per ottenerli? Per rispondere a questa domanda è necessario specificare a quale prodotto si fa riferimento. Vi sono infatti diverse categorie di beneficiari dei finanziamenti Inps.

Per quanto riguarda i pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali vi sono due soluzioni: il Piccolo prestito Gestione Pubblica e i Prestiti pluriennali diretti Gestione Pubblica.

Prestiti Inps tassi: il Piccolo prestito

Il Piccolo prestito è pensato per fornire della liquidità utile ad affrontare gli imprevisti quotidiani. Non sono necessarie motivazioni o documenti circa le spese affrontate. Il tasso è del 4,25%, con rimborso da uno a quattro anni.
Come ottenerlo? Il pensionato deve inoltrare la domanda in modalità telematizzata, sfruttando una delle opzioni disponibili: i servizi del sito Inps (inps.it), il Contact center (il numero verde gratuito da rete fissa è 803 164, da cellulare il numero a pagamento è 06 164 164) o il patronato.

Prestiti pluriennali Inpdap su cessione del quinto fino a 10 anni

I Prestiti pluriennali diretti sono finanziamenti su cessione del quinto, che possono essere richiesti per le finalità riportate dal regolamento ufficiale. Il rimborso è quinquennale o decennale (60 o 120 rate mensili). La rata è elaborata in relazione a un tasso nominale del 3,50%.

L’invio della richiesta, anche in questo caso, deve realizzarsi in forma telematizzata, impiegando l’Area riservata del portale Inps (inps.it). Il pensionato, in possesso del PIN (codice di identificazione personale), deve utilizzare la funzione “Domande web Prestiti Pluriennali”.

Tra gli allegati alla richiesta abbiamo la documentazione relativa allo stato di bisogno, l’eventuale spesa e certificato medico di sana costituzione fisica.

Prestiti per pensionati Inps 2017: mutui acquisto prima casa

Facendo sempre riferimento ai pensionati della Gestione unitaria, rileviamo infine i mutui Inps. Non sono dei comuni prestiti, ma prodotti con rimborso da 10 fino a 30 anni (per gli over 65 la durata massima è 15 anni) pensati per esigenze specifiche: acquisto, costruzione, ristrutturazione della prima casa, ma anche l’acquisto o costruzione di box auto.

Per quanto attiene l’acquisto o costruzione dell’abitazione principale sono disponibili fino a 300mila euro. Due le opzioni di tasso: con il fisso avremo il 2,95%, mentre con il variabile sarà applicato l’Euribor a 6 mesi maggiorato di 200 punti base.