Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Cosa sapere sui prestiti pluriennali Inpdap personale scuola

Come funziona il piccolo prestito Enam: importi, requisiti e tassi 2018

I prestiti pluriennali Inpdap personale scuola sono finanziamenti concessi dall’Inps in favore degli iscritti alla Gestione Magistrale. Si tratta di insegnanti e direttori scolastici che sono assunti presso scuole statali primarie e dell’infanzia, iscritti d’ufficio all’ex Enam.

I prestiti Inps ex Inpdap dedicati al personale scolastico sono pensati per aiutare quanti si trovano a dover affrontare spese improvvise e impreviste. Permettono infatti di ottenere somme fino a un massimo di due mensilità di stipendio in godimento. A tal proposito è da considerare lo stipendio percepito dal richiedente, comprensivo degli assegni a carattere fisso e continuativo.

Il rimborso del finanziamento avviene con un piano di ammortamento che si estende per 24 mesi. Le rate hanno cadenza mensile e importo costante.

Per quanto attiene al tasso di interesse, il Tan è pari all’1,5%. Sono poi applicate al prestito delle spese di amministrazione ed è previsto il pagamento di un premio per il Fondo di Garanzia Inps. Oneri che complessivamente si attestano all’1% della somma finanziata. Tutte le suddette spese e gli interessi sono detratte anticipatamente dal prestito.

Quando viene concesso il prestito ex Enam

Come accade con i prestiti pluriennali Inps ex Inpdap dedicati ai lavoratori pubblici, i prestiti pluriennali Inpdap personale scuola sono concessi solo per far fronte a specifiche necessità. Vi sono infatti solo alcune situazioni in cui è possibile ottenere il finanziamento.

Riportiamo di seguito l’elenco completo delle finalità ammesse dall’Inps per la concessione dei prestiti ex Enam.

  • nascita o adozione di uno o più figli;
  • matrimonio del richiedente o di un figlio;
  • morte di familiari;
  • gravi malattie del richiedente o dei familiari;
  • acquisto della casa di residenza;
  • interventi di manutenzione straordinaria della casa di residenza;
  • mutuo in corso per l’acquisto della prima casa;
  • cure odontoiatriche del richiedente o dei familiari a carico;
  • cambio di residenza;
  • acquisto di un’auto;
  • frequenza di corsi universitari del richiedente o dei figli;
  • eventi straordinari che comportano un particolare stato necessità del richiedente.

Come presentare la domanda

La richiesta di prestito deve essere presentata per via telematizzata. Per accedere al servizio per la trasmissione della domanda è necessario collegarsi con il sito inps.it. Da qui l’utente dovrà collegarsi con la pagina Richiedere un piccolo prestito agli iscritti d’ufficio alla Gestione Assistenza Magistrale.

Sulla pagina è presente un collegamento per accedere al servizio di trasmissione della domanda online. Per inviare la domanda è necessario essere in possesso del Pin Inps. Sulla stessa pagina è presente un manuale utente che spiega come inviare le richieste di prestiti pluriennali Inpdap personale scuola.