Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come funziona il prestito Inpdap per estinzione mutuo

Prestito Inpdap per estinzione anticipata mutuo 2018

Oltre ad occuparsi della previdenza dei propri iscritti, l’Inps eroga prestiti a condizioni agevolate in favore di dipendenti e pensionati pubblici. Linee di credito che permettono di affrontare situazioni di varia natura, tra cui l’estinzione di un mutuo in corso. In tal caso si parla di prestito Inpdap per estinzione mutuo.

Può capitare infatti che un finanziamento in corso diventi troppo pesante da sostenere, o semplicemente poco competitivo rispetto alle condizioni applicate agli attuali mutui. Situazione in cui è possibile optare per la surroga del mutuo oppure per l’estinzione del finanziamento.

Condizioni e importo finanziabile

I prestiti Inpdap per l’estinzione di un mutuo in corso prevedono che il richiedente riceva la somma necessaria per chiudere completamente il finanziamento. In altre parole, il capitale concesso sarà esattamente pari all’importo necessario per saldare il debito residuo.

La banca che ha concesso il mutuo non potrà quindi vantare alcun diritto nei confronti del debitore. Tuttavia quest’ultimo avrà stipulato un debito con l’Inps, che dovrà rimborsare con un piano di ammortamento decennale.

Di conseguenza, sottoscrivendo un prestito Inpdap per estinzione mutuo si avrà una rata mensile detratta direttamente dalla busta paga o dalla pensione del beneficiario. L’importo della rata non può eccedere la quinta parte di stipendio o pensione, considerato al netto delle tasse. Il tasso di interesse è fisso al 3,5%.

Oltre al Tan, il beneficiario del prestito Inpdap per estinzione mutuo deve far fronte alle spese accessorie. Queste sono definite con l’applicazione di un’aliquota dello 0,5%. Previsto anche il pagamento di un premio per il Fondo Rischi Inps, calcolato in base a tre fattori: l’importo del finanziamento, la durata dell’ammortamento, l’età del richiedente.

Ricordiamo che il finanziamento può essere richiesto sia per un mutuo sottoscritto dal dipendente/pensionato che per linee di credito stipulate dal coniuge. Il mutuo in questione può inoltre essere stato sottoscritto a qualunque titolo.