Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Perché Prestito Pluriennale diretto Inps Gestione ex Inpdap conviene: ecco cosa devi sapere

Prima di sottoscrivere qualunque finanziamento, andrebbe pianificata un’attività di valutazione dell’offerta. È richiesto tempo e si tratta di ore ben spese, perché verranno appurati due aspetti fondamentali. Da una parte la convenienza della proposta, dall’altra l’attinenza con le proprie esigenze e capacità di rimborso. Chi dispone dei requisiti previsti, dovrebbe considerare, tra le alternative più vantaggiose, il Prestito pluriennale diretto Inps Gestione ex Inpdap 2020.

Prestiti Inps Gestione ex Inpdap 2020: durata, tassi e finalità del Pluriennale diretto

Cos’è, cosa offre e quali requisiti impone il Prestito pluriennale diretto Inps Gestione ex Inpdap? È una proposta gestita da parte dell’Inps che consente di affrontare con serenità tantissime situazioni che riguardano esigenze personali e familiari.

Grazie a questo finanziamento è possibile, ad esempio, acquistare un’auto, ristrutturare casa, sostenere le spese relative a nascita figli, matrimonio, trasloco, protesi dentarie, eccetera. Ha una durata corrispondente a cinque o dieci anni, l’intervallo temporale è determinato dalla finalità. L’Istituto prevede un requisito essenziale per accedere al credito.

Verranno infatti prese in esame esclusivamente le domande inoltrate da parte di dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Il piano di rimborso è pari a 60 o 120 rate mensili.

L’altro punto nodale del Prestito Pluriennale diretto Inps Gestione ex Inpdap coincide con il tasso di interesse, ma prima di questo aspetto il richiedente deve valutare l’entità della rata mensile. Il suo valore non dovrà eccedere un quinto di stipendio o pensione.

Per tornare al tasso, il TAN corrisponde al 3,5%, ma non è la sola questione determinante. È praticata un’aliquota attinente alle spese amministrative pari allo 0,50%, nonché un premio che interessa i rischi relativi all’operazione.

La richiesta attraverso i servizi online Inps

E le procedure per l’invio della richiesta? Va utilizzato il portale ufficiale Inps, inps.it, dov’è presente per altro un manuale circa le operazioni da eseguire. I lavoratori in servizio inviano la richiesta ricorrendo all’amministrazione di riferimento.

I pensionati hanno a disposizione diversi canali, non solo il servizio online Inps, ma anche il Contact Center (803 164, 06 164 164), patronati e intermediari Inps.

Come compiere Prestito pluriennale Inps simulazione aggiornata al 2020

In merito al Prestito pluriennale e al Piccolo prestito è disponibile un pratico strumento di simulazione implementato sul portale Inps. Questo il percorso da seguire, partendo dalla homepage inps.it:

  • Click sul collegamento “Prestazioni e servizi”;
  • Dal menu a tendina selezionare il collegamento “Tutti i servizi”;
  • Da “Filtra per tema” selezionare “Prestiti”;
  • Va fatto quindi click sul collegamento “Gestione dipendenti pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”.