Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Che Banca mutui: quale finanziamento scegliere e perché

La scelta del mutuo per l’acquisto della casa non deve mai essere sottovalutata. Oggi, grazie al web, possibile ottimizzarla analizzando diverse proposte, che comprendono per esempio le soluzioni di Che Banca mutui.

Mutuo con Che Banca: ecco le proposte dell’istituto di credito

Chi decide di orientarsi verso Che Banca mutui deve considerare la possibilità di scegliere tra diverse soluzioni. Le suddette comprendono il mutuo a tasso fisso, il piano a tasso variabile, il Mutuo Risparmio, il Mutuo Variabile con CAP.

I vantaggi di queste alternative riguardano in particolare la possibilità di completare gran parte dell’iter di richiesta online e quella di tenere sotto controllo l’andamento del mutuo in qualsiasi momento, facendo sempre riferimento all’area riservata sul portale dell’istituto di credito del gruppo Mediobanca.

Mutuo per la prima casa con Che Banca: una simulazione concreta

Per avere le idee più chiare relativamente al funzionamento di Che Banca mutui niente è meglio di una simulazione concreta. Per impostarla ipotizziamo la richiesta di un mutuo di 200.000€ per un immobile che ne costa 300.000. Il richiedente ha come giacenza media sul proprio conto corrente una somma pari a 30.000€.

Prendendo in esame le varie soluzioni e ipotizzando la scelta di un piano di ammortamento di 20 anni, con il tasso fisso si avrebbe una rata mensile corrispondente a 1067,62€.

In questo caso si parlerebbe di un TAN fisso e di un TAEG pari rispettivamente al 2,58 e al 2,71%. Il piano in questione è caratterizzato da uno spread – carico che costituisce l’effettivo guadagno della banca sul finanziamento – corrispondente all’1,35%.

Mutuo a tasso variabile con Che Banca: ecco come funziona

Continuiamo a discutere di Che Banca mutui analizzando il piano a tasso variabile. Per vedere come funziona prendiamo la situazione di partenza sopra descritta che, con un interesse variabile, prevedrebbe una rata mensile di 947,71€.

In questo caso siamo davanti a un piano di ammortamento caratterizzato da un tasso variabile calcolato sulla base dell’Euribor 3 mesi, maggiorato di uno spread dell’1,63%.

Mutuo Risparmio di Che Banca: specifiche essenziali

Per avere un quadro completo riguardante le soluzioni di Che Banca mutui bisogna chiamare in causa anche il Mutuo Risparmio.

Pure in questo caso il miglior modo per capire come funzionano le cose è fare un esempio specifico, partendo sempre da un mutuo di 200.000€ per un immobile che ne costa 300.000 richiesto da un correntista che ha sul conto corrente una giacenza media di 30.000€.

Tenendo conto di un piano di ammortamento della durata di 20 anni e dell’intenzione di acquistare la prima casa d’abitazione, con il Mutuo Risparmio di Che Banca, che permette di gestire meglio la rata collegando il piano al conto corrente dello stesso istituto di credito, si avrebbe un impegno economico mensile di 947,71€, con un TAEG pari all’1,42%.

Indice contenuti