Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Invio domanda e documenti per richiesta mutuo Inps. Guida

Come richiedere i mutui Inpdap 2018

L’Inpdap è stato soppresso nel 2012 in seguito alla riforma del sistema previdenziale del Governo Monti. Tutte le prestazioni dell’ente sono passate di competenza dell’Inps. È questo quindi l’ente previdenziale cui devono fare riferimento i dipendenti e pensionati pubblici che desiderano richiedere i mutui ex Inpdap. Ma come presentare domanda? Quali i documenti per richiesta mutuo Inps? Vediamolo insieme.

Quanti desiderano richiedere un mutuo ipotecario Inps ex Inpdap a tasso agevolato devono innanzitutto essere in possesso del codice Pin Inps. Codice che risulta necessario per utilizzare il servizio online per la trasmissione della richiesta. Quanti non sono in possesso del Pin possono richiederlo presso la sede Inps di riferimento, oppure utilizzando la procedura guidata per la richiesta del Pin.

Documenti e tempi di invio

In sede di domanda è necessario presentare tutta una serie di documenti, variabili a seconda della finalità del mutuo e dei soggetti coinvolti. Ricordiamo infatti che dal 2015 la Gestione ex Inpdap dell’Inps prevede la possibilità di richiedere mutui ipotecari anche per finalità diverse all’acquisto della prima casa.

È possibile infatti richiedere i mutui anche per far fronte alle spese di ristrutturazione o manutenzione della casa di proprietà. Tra le finalità ricordiamo anche l’acquisto di un box o un posto auto da utilizzare come pertinenza della casa.

L’elenco completo dei documenti per richiesta mutuo Inps è disponibile sul sito inps.it. Qui è possibile individuare tutta la documentazione tecnica e amministrativa necessaria in sede di domanda.

Ricordiamo che la richiesta deve essere trasmessa nel rispetto delle finestre temporali fissate dall’Inps. Nello specifico, è possibile inviare la domanda solo dal 1° al 10 dei mesi di gennaio, maggio e settembre.

Una volta decorsi i termini per la trasmissione della domanda, l’Inps comunica ai richiedenti se le risorse stanziate sono sufficienti a soddisfare tutte le domande pervenute.