Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Garanzie personali quali sono: ecco cosa devi sapere

Garanzie personali quali sono? Documentarsi in merito è fondamentale se si ha intenzione di richiedere l’accesso al credito, soprattutto in situazioni di difficoltà economica o quando non si ha modo di presentare una busta paga come documento di reddito.

Cosa sono le garanzie di tutela del credito

Prima di entrare nel dettaglio riguardo a garanzie personali quali sono è bene specificare cosa si intende quando si parla di garanzie a tutela del credito. In questi casi si intendono soluzioni che permettono a una realtà creditizia di avere maggiori sicurezze relative alla solvibilità di un prestito, sia esso personale o finalizzato.

Garanzie reali, quali sono

Un altro aspetto da considerare prima di specificare garanzie personali cosa sono riguarda la natura delle garanzie reali. Che cosa sono? Garanzie a tutela del credito che prevedono il riferimento a beni mobili e immobili.

Un esempio specifico di garanzia reale è l’ipoteca iscritta su un’unità immobiliare. L’iscrizione di un’ipoteca costituisce un obbligo frequente in sede di sottoscrizione di un mutuo. Fondamentale è che l’ipoteca abbia un valore superiore rispetto a quello del mutuo, così da coprire un eventuale rischio d’insolvenza (in generale si parla di ipoteche pari al 150% del valore del mutuo).

Tra le forme di garanzia reale è possibile ricordare anche l’impegno di un bene mobile. In questo caso ci si trova davanti al pegno, che prevede la possibilità di vendere il bene nel caso in cui il beneficiario del contratto di prestito dovesse rivelarsi insolvente.

Garanzie di natura personale: che cosa sono

Le garanzie personali quali sono? In questo caso si parla di garanzie di tutela del credito che prevedono che un terzo soggetto, per esempio un garante, risponda in caso di mancata solvibilità da parte del beneficiario principale.

Questo è il caso tipico del prestito con garante, che non ha la possibilità di sostituirsi in maniera permanente al beneficiario principale del prestito ma deve intervenire unicamente in caso di suoi problemi economici.

In questo aspetto risiede la principale differenza tra garante e coobbligato, figura che, in caso di difficoltà nel versamento delle rate, deve rispondere direttamente esattamente come il titolare del contratto di prestito.

Prestiti con garanzie personali: regole da seguire

Quando ci si chiede garanzie personali quali sono e si pensa al prestito con garante è necessario seguire alcune regole. Quali sono? In primo luogo la necessità di scegliere un soggetto finanziariamente affidabile, possibilmente il titolare di un contratto lavorativo a tempo indeterminato, questo perché, come già ricordato, in caso di mancata solvibilità da parte del beneficiario principale la realtà creditizia può rivalersi sui suoi beni.

In secondo luogo è bene considerare che, in caso di richiedente principale privo di reddito, la presentazione di un garante non rende automatica l’accettazione dell’istanza di accesso al credito.

Indice contenuti