Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Scopri i migliori prestiti auto 2024. Condizioni e tassi

Come trovare il miglior finanziamento auto 2024

Un’auto è sinonimo di indipendenza, comfort, piacere di guida, libertà dai vincoli dei mezzi pubblici. Si tratta però, allo stesso tempo, di un prodotto costoso, e spesso i risparmi non bastano. In questi casi è indispensabile ricorrere a un finanziamento. Vediamo quindi i migliori prestiti auto.

I finanziamenti auto sono linee di credito finalizzate all’acquisto di un veicolo, sia questo nuovo o usato. Tra i mezzi ritenuti pertinenti, oltre alle automobili, abbiamo moto, camper e barche.

I piani di rimborso possono raggiungere i dieci anni e sono contraddistinti da un tasso fisso. Invece di dover far fronte a una somma importante da versare in un’unica soluzione, l’acquirente procede con un rimborso rateale. È essenziale quindi individuare un prestito sostenibile in relazione alle proprie capacità reddituali.

Sarà anzitutto il concessionario a proporre delle formule d’accesso al credito, ma per riconoscere i migliori prestiti auto del mercato è necessario valutare il maggior numero di offerte e comparare tassi e condizioni.

Qual è il prestito più conveniente

Prima di affrontare le varie offerte di prestiti è necessario chiarire quali sono i fattori da considerare al fine di trovare i migliori prestiti auto. Quando si desidera confrontare diverse soluzioni di finanziamento è necessario tenere in considerazione diversi fattori.

Prima su tutti la rata periodica, solitamente mensile, da corrispondere. I pagamenti infatti non devono impattare in modo eccessivo sul reddito periodico del richiedente. In linea di massima banche e finanziarie non accettano domande di prestito che prevedono una rata mensile superiore al 20% del reddito mensile percepito dal richiedente.

Una regola generale che ha lo scopo di tutelare l’istituto di credito, che evita così di sottoscrivere prestiti con un elevato rischio di insolvenza. Quanto appena detto però è da considerare solo come regola generale. L’ultima parola in merito alla concessione del prestito spetta alla banca, che può anche scegliere di accordare un finanziamento con una rata superiore al 20% del reddito mensile del richiedente.

Oltre alla rata mensile, quanti sono alla ricerca dei migliori prestiti auto devono considerare anche i tassi d’interesse applicati. A tal proposito è necessario fare una distinzione tra Tan e Taeg. Vediamo nel dettaglio quali sono le differenze.

Differenza tra Tan e Taeg

Il Tan è il Tasso Annuo Nominale e rappresenta gli interessi applicati sul capitale concesso. Il Tan viene espresso in percentuale su base annua. Valore che indica gli interessi applicati sulla somma concessa ogni anno. Gli interessi, lo ricordiamo, vengono spalmati nel corso del piano di ammortamento. Ogni rata da corrispondere infatti è composta da una quota capitale e una di interessi. L’entità della quota di interessi varia comunque a seconda del tipo di ammortamento.

In ogni caso possiamo dire che il Tan ha un effetto diretto non solo sul costo del finanziamento, ma anche sull’importo delle rate. Maggiore è il valore del tasso, più è alto l’importo della rata da corrispondere. Tuttavia il Tan non è un parametro sufficiente per stabilire il costo di un finanziamento e valutarne la convenienza.

Oltre al tasso infatti vi sono diverse altre voci di costo da tenere in considerazione quando si è alla ricerca dei migliori prestiti auto. Il valore di riferimento in questi casi è il Taeg, ovvero il Tasso Annuo Effettivo Globale. Noto anche come Indicatore Sintetico di Costo, il Taeg rappresenta la somma di tutti i costi applicati al finanziamento. Oltre al tasso d’interesse, il Taeg comprende anche le spese accessorie obbligatorie.

In altre parole, sono incluse nel calcolo del Taeg le seguenti voci di spesa:

  • imposta di bollo o imposta sostitutiva applicata sul contratto;
  • spese di istruttoria della pratica;
  • spese di incasso rata;
  • spese di gestione della rata;
  • costi dovuti per le comunicazioni periodiche.

Tuttavia è necessario chiarire che nel calcolo del Taeg non sono incluse le spese accessorie facoltative. Cosa significa che il tasso non include costi che il beneficiario del prestito potrebbe trovarsi a dover sostenere, ma non sono obbligatori. Un esempio di tali costi è rappresentato dalle spese notarili. Non solo. Rientrano tra i costi che potrebbero non essere compresi nel Taeg anche le spese relative alla sottoscrizione di una polizza facoltativa a copertura del prestito.

Simulazioni finanziamenti auto 2024

Come già accennato, per trovare i migliori prestiti auto è necessario prendere in esame diverse soluzioni di finanziamento. Ragione per cui abbiamo scelto così di prendere in considerazione il profilo del richiedente medio per porre in rapporto i vantaggi (e i limiti) presentati dai diversi enti erogatori.

Il richiedente ipotizzato dal nostro calcolo rata è interessato a un finanziamento per l’acquisto di un’auto nuovo oppure a km zero da 15mila euro. Il piano di rimborso è strutturato in 60 rate mensili. Per quanto attiene il profilo del richiedente, abbiamo inserito nel form di simulazione i dati relativi a un lavoratore dipendente nato nel 1980.

Al momento il prestito che presenta le condizioni più vantaggiose è Fiditalia, che con il prestito Fidiamo fornisce un Tan fisso del 5,80%, mentre il Taeg è pari al 6,04%. La rata che l’acquirente andrà a sostenere corrisponde a 288,60 euro. Tra i costi dobbiamo considerare anche gli oneri iniziali (16 euro). Assenti invece le spese di incasso rata.

In seconda posizione invece troviamo il prestito online offerto dalla Banca Della Provincia Di Macerata. Il tasso d’interesse è fisso al 5% mentre il Taeg si attesta al 6,04%. La rata mensile da corrispondere è pari a 283,07 euro. Le spese iniziali da sostenere per l’apertura del finanziamento sono pari a 316 euro, che verranno detratti direttamente dall’importo del prestito.

Le offerte Findomestic e Agos

La terza linea di credito più conveniente è presentata invece da Findomestic banca. Il suo Credito auto prevede un Tan fisso pari al 5,90 % e Taeg pari al 6,06%. Assenti le spese iniziali, incasso rata e imposta di bollo. La rata, in questo caso, è di 289,30 euro. Il contratto è sottoscritto online mediante firma digitale e la richiesta di prestito può essere presentata direttamente per via telematizzata, tramite il sito ufficiale della banca.

Chiudiamo la nostra selezione dei migliori prestiti auto parlando dell’offerta Agos. Il prodotto cui facciamo riferimento prende il nome di Credito personale. In questo caso troviamo un Tan fisso al 5,85% mentre il Taeg si attesta al 6,08%. Per quanto riguarda i pagamenti mensili da sostenere, sono pari a 288,95 euro. Il prestito Agos non prevede spese per l’istruttoria della pratica, ma sono previste delle spese iniziali pari a 16 euro.

Quando si parla di prestiti auto è impossibile non citare la possibilità di sottoscrivere finanziamenti al momento dell’acquisto. Sono molti infatti i concessionari che hanno sottoscritto convenzioni con i vari istituti di credito. Tuttavia non sempre queste offerte sono più convenienti di quelle che si possono trovare nel mercato prestiti.

Il nostro consiglio quindi per quanti sono alla ricerca dei migliori prestiti auto è di farsi fare un preventivo da concessionario e confrontarlo poi con le varie offerte trovate con i comparatori online.

Per rimanere sempre aggiornati sulle migliori offerte di prestito continuate a seguire il nostro portale.

Indice contenuti