Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui 2024 previsioni: aumenti dei tassi ma non mancano le opportunità

Gli esperti hanno tracciato più volte le linee tecniche relative a mutui 2024 previsioni. La prima cosa da ricordare in merito è che difficilmente si potrà vedere un altro anno da record come il 2016. Ci si aspetta, per quanto riguarda le nuove erogazioni, una stabilità se non addirittura un calo.

Tassi mutuo 2024: già chiari i primi segnali

I mesi iniziali di quest’anno hanno fornito dei chiari segnali in merito a mutui 2024 previsioni e ai tassi in particolare. In primo piano in questo caso c’è la decisione di Banca Intesa, che nel 2016 ha dominato il mercato delle nuove erogazioni, di aumentare lo spread di 50/60 punti base tra gennaio e dicembre.

Si continuano ad aspettare ritocchi da parte di altri istituti di credito. Da ricordare è che l’attenzione risulta puntata sullo spread per il semplice fatto che è l’unica voce che può essere decisa dalla banca.

Quando un istituto lo aumenta ci sono due ragioni. La prima riguarda la volontà di aumentare la redditività sul singolo prodotto. La seconda, invece, quella di erogare meno finanziamenti rispetto al passato.

Stabilità dei mercati: i fattori di rischio per il 2024

Quando si parla di mutui 2024 previsioni è fondamentale prendere in considerazione i potenziali fattori di rischio per la stabilità dei mercati. Quest’anno ne entrano in gioco parecchi. Per capire che portata hanno è sufficiente pensare agli effetti della Brexit, a quelli delle politiche espansive di Donald Trump e alle incognite relative ai risultati delle elezioni in Francia e in Germania.

Dai vertici di MutuiOline.it arrivano messaggi precisi: non ci sarà più un anno d’oro come il 2016, ma i mutui rimarranno convenienti ancora per un po’. A rassicurare in merito ci ha pensato Mario Draghi alla fine del mese di gennaio ricordando come non sia stato registrato un notevole aumento dell’inflazione core. Il valore in questione vede come voce principale i salari.

Senza variazioni da questo punto di vista è difficile che si possa parlare anche di un aumento del costo del denaro.

Mutuo in corso, come è meglio comportarsi

Alla luce di queste mutui 2024 previsioni, come è meglio comportarsi se si ha già un mutuo in corso? Le soluzioni sono varie e vedono in primo piano la surrogazione. Si tratta di un’alternativa particolarmente vantaggiosa negli ultimi anni anche perché gli istituti sono più indulgenti nei confronti dei surrogatori seriali.

I vantaggi del tasso misto, perché conviene

Concludiamo questa breve analisi di mutui 2024 previsioni ricordando che per risparmiare può essere molto utile il tasso misto: il piano che prevede la possibilità di variare tipologia di tasso. In questo modo si riesce a star dietro alle condizioni di mercato e, per esempio, sfruttare al massimo i vantaggi dell’Euribor negativo almeno per tutto l’anno corrente.

Indice contenuti