Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui leasing 2016: le differenze tra leasing immobiliare e mutuo tradizionale

Mutuo leasing differenza con i tradizionali mutui casa

I nuovi mutui leasing 2016 sono una forma di finanziamento introdotta con la nuova Legge di Stabilità. Noto anche come leasing immobiliare, se paragonato a un mutuo questo particolare finanziamento risulta piuttosto conveniente sia dal punto di vista economico che da quello fiscale.

Con la nuova normativa infatti il legislatore ha introdotto la possibilità di acquistare una casa con il leasing finanziario, una soluzione moto simile ai leasing utilizzati per l’acquisto di un’auto o di un macchinario. Nel corso del contratto il beneficiario paga un canone mensili (una specie di affitto) e alla scadenza può decidere se riscattare o meno la casa.

Una soluzione molto interessante poiché consente ai meno abbienti di sfruttare una serie agevolazioni fiscali. Oltre ai benefici fiscali sulle imposte di registro previste per la stipula del contratto, i mutui leasing 2016 consentono anche di detrarre dal fisco gli interessi sul canone di leasing.

Mutui leasing casa: i vantaggi fiscali

Il beneficiario può inoltre portare in detrazione, nella misura del 19%, sia gli interessi pagati fino a 4 mila euro l’anno sia i canoni mensili fino a un massimo di 8 mila euro. Tra le spese che è possibile portare in detrazione troviamo anche il riscatto del leasing sulla casa.

Tuttavia è necessario fare una distinzione tra i beneficiari under 35 e quelli che hanno già compiuto il 35esimo anno di età. I ragazzi con meno di 35 anni, privi di altri diritti di proprietà su case site nel territorio nazionale, e con un reddito imponibile annuo che non superiori i 55 mila euro possono portare in detrazione le spese per il riscatto della casa per un importo massimo di 20 mila euro.

In caso contrario, ossia per i beneficiario con età superiore a 35 anni, il costo di riscatto della casa può essere portato in detrazione per un massimo di 10 mila euro, mentre il limite per i canoni mensili è ridotto a 4 mila euro. Per quello che riguarda l’imposta di registro questa sarà ridotta all’1,5%.

Mutui leasing: chi può ottenerli

In sintesi quindi la principale differenza tra i mutui leasing 2016 e i tradizionali mutui ipotecari è rappresentata dalla possibilità di portare in detrazione i canoni mensili e il prezzo del riscatto. Cosa che sottoscrivendo un mutui ipotecario sarebbe impossibile poiché le detrazioni previste per legge riguardano solo gli interessi.

Ma quali sono i requisiti necessari per accedere ai mutui leasing 2016? Possono ottenere questi finanziamenti tutte le persone fisiche e le persone giuridiche che sono in possesso di tutti i requisiti richiesti per fruire dei benefici fiscali per la prima casa.

Indice contenuti