Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui per chi ha avuto problemi: le soluzioni

In tempo di crisi è spesso difficoltoso affrontare un percorso come il rimborso delle rate di un mutuo. Esistono mutui per chi ha avuto problemi? Per rispondere a questa domanda è necessario prendere in considerazione alcune misure istituzionali, come per esempio il Fondo di Garanzia per la Prima Casa.

Fondo di Garanzia per la Prima Casa: chi può accedervi

I mutui per chi ha avuto problemi vedono nel Fondo di Garanzia per la Prima Casa, una misura ministeriale che viene incontro a categorie particolarmente svantaggiate, come per esempio i conduttori di alloggi popolari o i nuclei familiari monogenitoriali con figli minorenni. Tra i beneficiari rientrano anche i giovani under 35 titolari di un contratto di lavoro atipico.

Fondo per la prima casa: come funziona

Documentarsi sui mutui per chi ha avuto problemi, come già ricordato, significa approfondire le caratteristiche del Fondo di Garanzia per la Prima Casa. Dopo aver specificato quali sono i beneficiari principali della misura ricordiamo che il beneficio consiste nella possibilità di usufruire di una garanzia statale sul 50% della quota capitale di un mutuo, a patto che l’immobile oggetto dell’acquisto sia destinato alla prima casa d’abitazione e che il suo valore sia inferiore ai 250.000€.

Altro requisito vincolante è che l’immobile non sia annoverato nelle categorie catastali di lusso (A1, A8 e A9).

Cosa fare quando si incontrano difficoltà nel pagamento delle rate del mutuo?

Il Fondo di Garanzia per la Prima Casa è un riferimento senza dubbio centrale nell’ambito dei mutui per chi ha avuto problemi, ma per avere un quadro generale è bene analizzare anche le opzioni disponibili in caso di difficoltà nei pagamenti che sopraggiungono a piano di rimborso già iniziato.

In questi casi si può considerare un’opzione come la rinegoziazione. Introdotta nel 2008 sulla scia della surroga, questa fattispecie consente di ridiscutere le condizioni del mutuo senza bisogno di cambiare istituto di credito.

La rinegoziazione, quando riguarda mutuatari in difficoltà con i pagamenti, prevede spesso l’abbassamento della rata mensile, con ovvie conseguenze sulla durata del piano di ammortamento. Concederla è un vantaggio anche per la banca, che evita così di tenere bloccati i pagamenti per troppo tempo.

Soluzioni per chi è in difficoltà con il mutuo: la moratoria

Parlare di mutui per chi ha avuto problemi e di soluzioni per affrontare difficoltà economiche importanti vuol dire discutere della moratoria, frutto dell’accordo tra Abi e alcune associazione di consumatori. La misura in questione, arrivata al suo quinto rinnovo, consente di sospendere per un anno l’erogazione della quota capitale, pagando quindi solo gli interessi.

La moratoria sui mutui è disponibile per chi ha avuto problemi di lavoro come la perdita del posto a tempo indeterminato per motivi indipendenti dalla sua volontà, la cassa integrazione o la riduzione dell’orario lavorativo per un periodo superiore a 30 giorni consecutivi.

Indice contenuti