Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui per giovani imprenditori: come funzionano e chi li offre

Quando si dà il via a un’attività imprenditoriale è spesso difficile accedere al credito. Il motivo principale delle criticità in questione è legato alla mancanza di garanzie di solvibilità. Per questo esistono prodotti ad hoc, mutui per giovani imprenditori pensati per chi ha appena avviato un’attività e vuole accedere al credito in maniera semplice e sicura. Ecco chi li offre e come funzionano.

Nuove Imprese Start Up: come funziona?

Quando si discute di mutui per giovani imprenditori è necessario considerare soluzioni come Nuove Imprese Start Up, un prodotto di Unicredit. Questo finanziamento è dedicato ai neo imprenditori che vogliono accedere al credito per coprire gli investimenti iniziali dell’azienda.

La somma massima richiedibile è pari a 100.000€ e il piano di ammortamento può durare fino a 7 anni. Le rate addebitate al cliente possono essere mensili, trimestrali o semestrali.

Requisiti per accedere a Nuove Imprese Start Up di Unicredit: ecco cosa sapere

Continuiamo ad analizzare le soluzioni relative a mutui per giovani imprenditori dettagliando le peculiarità del prodotto Nuove Imprese Start Up. Per accedere a questo finanziamento è necessario soddisfare specifici requisiti.

Il primo riguarda l’iscrizione alla C.C.I.A.A., che deve essere stata effettuata almeno 21 mesi prima della richiesta di accesso al credito. L’aspirante imprenditore, inoltre, deve presentare una garanzia eligibile Confidi che copra almeno il 60% dei finanziamenti accordati.

Essenziale è anche dimostrare di avere la possibilità di coprire con mezzi propri almeno il 30% degli investimenti iniziali.

Mutui per imprenditori under 35: cosa sapere sul Fondo di Garanzia

I giovani liberi professionisti che vogliono acquistare o ristrutturare casa possono incontrare difficoltà nell’accesso al credito per via della mancanza di un contratto di lavoro con busta paga fissa. In questi casi è possibile considerare il Fondo di Garanzia, una soluzione interessante nell’ambito dei mutui per giovani imprenditori.

Di cosa si tratta a livello tecnico? Di una misura ministeriale istituita con l’obiettivo di agevolare l’accesso al credito immobiliare in casi di particolare svantaggio dovuto alle condizioni economiche o alla tipologia di lavoro (ricordiamo ancora una volta che le banche tendono a preferire come garanzia di solvibilità la busta paga fissa).

Fondo di Garanzia 2024: informazioni tecniche

Il Fondo di Garanzia può essere considerata una valida alternativa quando si parla di mutui per giovani imprenditori in quanto è accessibile agli under 35 anche con contratti di lavoro atipici.

A livello tecnico prevede la possibilità di accendere un mutuo con la garanzia statale che copre il 50% della quota capitale. Bisogna sempre considerare il limite di 250.000€ per il valore dell’immobile.

Fondamentale è anche che si tratti della prima casa d’abitazione e che il beneficiario non sia possessore di altre unità immobiliari sul territorio italiano. L’immobile oggetto dell’acquisto non deve essere annoverato nelle categorie catastali di lusso, ossia l’A1, l’A8 e l’A9.

Indice contenuti