Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutui prima casa tasso variabile: offerte da non perdere

L’acquisto della prima casa coincide, nella maggior parte dei casi, con l’attivazione di un mutuo. Impegno economico che si protrae per decine d’anni, e va quindi valutato con attenzione. I mutui prima casa tasso variabile rappresentano, al momento, la proposta più competitiva del mercato. Ma quali sono le offerte da non perdere? Scopriamolo insieme.

Mutui prima casa a tasso variabile 2016

Prima di entrare nel merito delle proposte dobbiamo chiarire un aspetto essenziale legato ai mutui prima casa tasso variabile, un fattore di rischio non secondario. I prodotti a tasso variabile sono indicati per chi ha una disponibilità economica tale da far fronte a un eventuale incremento dei tassi. Non si tratta quindi di finanziamenti adatti a qualunque tipo di richiedente.

Detto questo, i mutui prima casa tasso variabile sono anche quelli che assicurano i tassi di interesse più convenienti. Qualora il mutuo poi dovesse divenire poco competitivo, nel lungo periodo, il cliente ha sempre la possibilità di passare a un prodotto a tasso fisso grazie alla rinegoziazione e alla surroga.

Passiamo alle offerte. Abbiamo selezionato i migliori mutui prima casa tasso variabile considerando le esigenze di un utente medio. Stiamo parlando di un richiedente che ha bisogno di 200mila euro per acquistare un’abitazione dal valore di 250mila euro. La durata del rimborso è 30 anni.

I migliori mutui tasso variabile per acquisto prima casa

  • Bancadinamica – Mutuo bancadinamica: è prevista una rata di 674,80 euro, frutto di un tasso dell’1,34% (Euribor 3M + 1,60%), mentre il Taeg tocca l’1,41%. Vanno inoltre considerati oneri di istruttoria (1.000 euro) e perizia, pari a 275 euro.
  • Banca popolare commercio e industria – Mutuo tasso variabile sempre light. Altra offerta interessante, che prevede una rata di 690,24 euro. In questo caso il tasso è 1,50%, Taeg 1,54%. Di poco inferiori di istruttoria (950 euro), identiche invece le spese di perizia.
  • Bper banca – Mutuo a tasso variabile vantaggio opzione. La rata mensile è di 684,02 euro, che riflette un tasso dell’1,44% (Taeg 1,54%). L’istruttoria corrisponde a un impegno di 760 euro, mentre la perizia è di 254,16 euro.
  • Intesa Sanpaolo – Mutuo Domus Variabile. Di appena un euro più cara la rata, 685,17 euro. Il tasso variabile si attesta sull’1,45% e il Taeg raggiunge l’1,57%. Per quanto riguarda i costi registriamo: 700 euro di istruttoria e 320 euro di perizia.

Resta sempre aggiornato sulle proposte più interessanti del mercato mutui seguendo il portale mutuoinpdap.org

Indice contenuti