Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Mutuo 100 per cento giovani: le migliori offerte 2016

Mutuo 100: un prodotto sui generis

Come funziona il mutuo 100 per cento giovani e come ottenerlo? La proverbiale prudenza delle banche si esprime attraverso alcune scelte particolari. Tra queste l’esclusione dalla propria offerta dei prestiti che prevedano un LTV superiore all’80%.

Per alcune categorie di persone, però, l’approccio si rivela meno severo. Non è un caso, quindi, che il mutuo 100 per cento giovani sia una realtà più o meno consolidata, in grado di risolvere i problemi di finanziamento.

LTV è il rapporto tra importo finanziato e il valore dell’immobile. Un prestito con LTV al 100% equivale quindi a un finanziamento che copre l’intero prezzo della casa. In questo contesto, il cittadino non mobilita i suoi risparmi e può affidarsi in toto alle risorse dell’istituto che eroga il credito.

In verità si tratta di un prodotto poco desiderabile per entrambi le parti. Al cittadino sono infatti richieste garanzie e ipoteche molto pesanti, in grado di mettere a rischio le proprietà già esistenti.

Gli istituti, invece, reputano il prodotto sia rischioso perché un cliente che non può impiegare delle risorse proprie ai fini di acquisto ha dimostrato (almeno nella visione conservatrice delle banche) scarse capacità di risparmio.

Quest’ultimo ragionamento non riguarda i giovani, che non possiedono risparmi per una questione anagrafica piuttosto che di affidabilità. Per tale motivo, alcuni istituti offrono il mutuo 100 per cento giovani.

Mutuo 100 giovani: le proposte di Intesa San Paolo e Unicredit

L’offerta migliore è senz’altro quella di Intesa San Paolo. Il prodotto prende il nome di Mutuo Domus Superflash. Si rivolge ai giovani dai 18 ai 34 anni. Non solo è prevista l’estensione del finanziamento fino al 100% del valore dell’immobile, ma vengono offerte due opportunità per alleggerire il peso del rimborso.

Il finanziato, infatti, può sospendere il pagamento della rate fino a sei mesi consecutivo e può, per un massimo di tre volte, modificare l’ampiezza della rata allungando o restringendo la durata del periodo di ammortamento. Si può scegliere il tasso variabile e quello fisso. Nell’ultimo caso, dipendentemente dalla durata del mutuo, il tasso va dal 2,70 al 2,88%.

L’offerta di Unicredit prende invece il nome di Mutuo Italia Valore Giovani. Di base l’LTV non potrebbe superare all’80% ma si può estendere al 100% se si attiva il fondo di garanzia per i mutui prima casa.

L’importo minimo è di 30.000 euro mentre quello massimo è di 250.000 euro. Si rivolge a un pubblico giovane ma, all’occorrenza, non più giovanissimo.

A differenza della proposta di Banca Intesa San Paolo il prodotto è accessibile anche a coloro che non hanno superato i 40 anni di età. Anche in questo caso, infine, è possibile spostare, tagliare o ridurre la rata.

Indice contenuti