Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Preammortamento mutuo: i principali pro e contro, conviene davvero?

Il preammortamento mutuo è il periodo che intercorre dal momento in cui il cliente firma il contratto a quello in cui inizia a rimborsare le rate. In questo lasso di tempo il beneficiario del finanziamento corrisponde all’istituto di credito solo la quota interessi.

Preammortamento tecnico: di cosa si tratta

Un caso particolare relativo al preammortamento mutuo è quello del preammortamento tecnico. Con questa definizione si inquadra il tempo che per forza di cose passa dalla firma del contratto alla prima rata.

In questo frangente gli interessi che il cliente deve pagare sono alquanto contenuti e sono calcolati sulla base del numero di giorni. In tal caso, chiaramente, più si stringono i tempi meno si paga.

Preammortamento finanziario: in quali casi conviene

La situazione appena descritta non vale sempre. Ci sono infatti dei casi in cui è meglio dilatare i tempi per quanto riguarda l’inizio del pagamento della rata completa. In queste circostanze siamo davanti a un altro tipo di preammortamento mutuo, ossia quello finanziario.

Gli aspetti tecnici da ricordare sono pochi e definiti. La richiesta di un preammortamento finanziario può essere fatta nei casi in cui il cliente si trova in difficoltà economica.

Le sue esigenze speciali rendono conveniente la scelta di rimandare il pagamento della rata nella sua completezza. Ovviamente chi fa richiesta in merito ha già ricevuto l’intera somma necessaria all’acquisto dell’immobile.

Quanto dura il preammortamento finanziario

Quanto può durare questa tipologia di preammortamento mutuo? Generalmente arriva a 5 anni. Sceglierla comporta prima di tutto la possibilità di ricevere il finanziamento nel momento in cui serve iniziando a pagare poco. Una volta risolti i problemi economici scatta chiaramente il rimborso effettivo.

Risulta palese l’importanza, prima della scelta finale, di una valutazione accurata di costi e benefici. A tal proposito è utile pensare sul lungo termine.

Bisogna infatti immaginare quanto potrebbe pesare la rata completa sul proprio reddito futuro, senza fermarsi ai vantaggi del momento.

Mutuo Giovani Intesa Sanpaolo: un esempio per capire qualcosa di più

Per capire qualcosa di più in merito al preammortamento mutuo è possibile chiamare in causa un esempio. Quale di preciso? Il piano base light del Mutuo Giovani di Intesa Sanpaolo. Questo piano, destinato ai clienti under 35, permette di acquistare la prima casa pagando inizialmente solo gli interessi.

Questo preammortamento finanziario può durare in via eccezionale fino a 120 mesi (la durata minima è invece pari a 12 mesi). Dopo questo lasso di tempo il cliente è tenuto a versare la rata completa anche di quota capitale.

Ricordiamo che l’opzione in questione prevede sempre un tasso d’interesse fisso. Il suddetto valore, per mutui fino a 10 anni e loan to value del 50%, parte dall’1,10%. In generale è possibile richiedere un finanziamento massimo pari al 100% del valore dell’immobile oggetto dell’acquisto.

Indice contenuti