Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti alle famiglie e credito al consumo: la situazione è in miglioramento

Non si può certo parlare di ritorno a condizioni finanziarie pre 2008, ma è possibile individuare miglioramenti economici interessanti, evincibili anche dall’aumento delle richieste dei prestiti alle famiglie e credito al consumo.

Prestiti erogati alle famiglie: ecco come stanno andando le cose

Come stanno andando le cose per quanto riguarda i prestiti alle famiglie e credito al consumo? Per quel che concerne i prestiti alle famiglie la situazione è positiva, in quanto è possibile parlare di un aumento dell’11,7% rispetto ai primi mesi del 2016, con una cifra media richiesta pari a circa 8.000€.

Prestiti: ecco perché vengono erogati con maggior facilità

La situazione dei prestiti alle famiglie e credito al consumo vede chiaramente una maggior propensione all’erogazione di credito da parte di banche e società finanziarie. Perché sta succedendo? A cosa si deve questa situazione che sta cambiando lo scenario dei consumi in un periodo che si può ancora definire di incertezza economica?

Alle scelte tecniche della BCE che, attraverso il QE e grazie al continuo acquisto di titoli, sta mettendo in primo piano un clima di positività nell’intera area Euro, dove è in cima alla lista egli obiettivi il contrasto alla deflazione.

Oltre a ciò è necessario ricordare che gli italiani, nonostante la crisi di questi anni, hanno risparmiato molto di più rispetto alla popolazione di molti altri Paesi del Vecchio Continente.

Deflazione: ecco perché è importante combatterla

Gli incentivi all’erogazione di prestiti alle famiglie e credito al consumo sono inquadrabili, come poco fa ricordato, nell’ambito di un progetto di contrasto alla deflazione, una situazione che è conseguenza diretta dell’abbassamento dei prezzi e dell’aumento del risparmio familiare.

Per uscire da questa situazione la Banca Centrale Europea ha da tempo messo in atto una politica che ha come principale obiettivo l’incentivo all’erogazione di prestiti e finanziamenti. Per raggiungere questo scopo sono stati messi in atto approcci tecnici che vedono per esempio il taglio degli interessi sui depositi BCE, che ha portato al taglio netto dei tassi.

Finanziamenti alle famiglie: cosa valutare prima di richiederli

Data questa doverosa premessa utile a comprendere le caratteristiche dello scenario mondiale, ritorniamo al nodo prestiti alle famiglie e credito al consumo, ricordando che, al di là delle politiche di incentivo della BCE, quando si progetta di richiedere l’accesso al credito è necessario valutare con attenzione la propria affidabilità creditizia personale o quella del nucleo familiare (in questo caso è per esempio congeniale la presenza di più di uno stipendio).

In ogni caso è utile ricordare che per i nuclei familiari in difficoltà economica esistono specifiche forme di ausilio Inps, come per esempio l’assegno familiare, che viene erogato sulla base del reddito complessivo e alla categoria professionale a cui appartiene il soggetto richiedente l’aiuto in questione.

Indice contenuti