Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Offerte prestiti convenienti. Scopri le proposte più vantaggiose

Come trovare prestiti personali vantaggiosi

Sono tante le persone che cercano informazioni su prestiti convenienti. Trovare l’alternativa migliore in generale è impossibile. Si può solo passare in rassegna alcune delle offerte più interessanti e analizzarne le caratteristiche tecniche.

Prestiti per dipendenti pubblici a tasso agevolato

Iniziamo a entrare nel dettaglio delle migliori alternative parlando di prestiti convenienti per i dipendenti pubblici. Finanziamenti erogati direttamente dall’Inps tramite un apposito Fondo credito.

Tra i prodotti da considerare è presente il piccolo prestito Inps ex Inpdap, riservato agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Questo prestito è disponibile anche per i pensionati iscritti alla medesima gestione. Il finanziamento permette di accedere a una cifra compresa tra una e otto mensilità di stipendio o pensione.

Il tasso è fisso per tutta la durata del piano di ammortamento, che può andare dai 12 ai 48 mesi, e corrisponde al 4,25%. Da considerare è anche la presenza di un onere amministrativo pari allo 0,50% della cifra richiesta.

I piccoli prestiti rientrano nella categoria dei prestiti personali. Questo significa che il beneficiario può utilizzare il denaro ottenuto a proprio piacimento. E in sede di domanda non è necessario presentare alcuna motivazione di spesa.

Troviamo poi i prestiti pluriennali. In questo caso si tratta di prestiti finalizzati pensati per far fonte a necessità di varia natura. I prestiti pluriennali sono concessi esclusivamente per far fronte alle casistiche previste dal Regolamento Prestiti Inps. Tra le varie finalità ricordiamo l’acquisto della casa di residenza, ipotesi in cui è possibile ottenere fino a 150 mila euro.

I prestiti pluriennali possono avere una durata di 5 o 10 anni. Come per la somma finanziabile, la durata del finanziamento varia a seconda della finalità del prestito. Importo e piano di ammortamento sono definiti dal Regolamento Prestiti Inps.

A prescindere dall’importo finanziato e dalla durata del prestito, il tasso applicato è fisso al 3,5%. Anche in questo caso è previsto il pagamento di oneri amministrativi, computati con l’applicazione di un’aliquota pari allo 0,5%.

Come richiederli

La richiesta di finanziamento deve essere presentata utilizzando gli appositi moduli di domanda. Modelli che possono essere scaricati direttamente dal sito ufficiale dell’Inps (inps.it).

I documenti da allegare variano a seconda del tipo di prestito che si richiede. L’istanza deve essere trasmessa all’Inps per via telematizzata, utilizzando i servizi online messi a disposizione dall’ente previdenziale.

Prestito d’onore per giovani 2024

Parlare di prestiti convenienti vuol dire considerare anche i piani migliori per i giovani. Quali sono? Chi sta ancora studiando può fare riferimento a prodotti come Ad Honorem di Unicredit.

Un prestito d’onore che consente di aprire una linea di credito per la durata legale del corso di studi, e di trasformare la suddetta somma in un prestito personale, da rimborsare una volta iniziata la carriera lavorativa. La concessione non può andare oltre i 27.700 euro mentre il piano di rimborso si estende al massimo per anni.

Interessante anche l’offerta di UBI Banca. L’istituto ha sottoscritto la convenzione con il fondo di garanzia “Diamogli credito”. Fondo che eroga una garanzia pubblica che consente di ottenere prestiti per studenti anche a chi non ha le risorse necessarie per ottenere il credito.

La somma massima finanziabile è fissata a 25 mila euro. Per quanto riguarda la durata, il piano di ammortamento può estendersi al massimo per 5 anni e prevede rate mensili. I finanziamenti di Ubi sono concessi sia per far fronte alle spese legate alla frequenza di un corso di laurea sia per master o corsi specialistici.

Finanziamenti per aspiranti imprenditori

Chi vuole muovere i primi passi come imprenditore, invece, può richiedere un prestito d’onore. In questo caso si accede a una cifra erogata per metà tramite prestito a fondo perduto, e per il restante 50% a un tasso agevolato, inferiore del 30% rispetto a quello in vigore al momento della concessione delle agevolazioni.

Parlare di questa tipologia di finanziamento significa considerare una delle soluzioni migliori nell’ambito dei prestiti convenienti. Per questo motivo è utile capire come funziona e ricordare prima di tutto che è riservato agli under 35.

La durata del piano di rimborso non può essere inferiore ai 5 anni. In questo lasso di tempo il beneficiario dei fondi non ha la possibilità di essere assunto a tempo continuativo come dipendente e nemmeno di vendere la sua attività.

Sebbene le offerte di prestiti d’onore per aspiranti imprenditori siano piuttosto rare, alcuni istituti di credito erogano prestiti a condizioni agevolate. Anche in questo caso vi proponiamo un finanziamento di Unicredit.

Il prodotto in questione prende il nome di Nuove Imprese – Start Up. Un finanziamento pensato per quanti desiderano mettersi in proprio ma hanno bisogno di denaro con il quale sostenere gli investimenti per l’avvio dell’attività.

La somma massima finanziabile è fissata a 100 mila euro. Denaro da rimborsare con un piano di ammortamento che si estende per 7 anni, con due anni di preammortamento.

Le rate possono avere cadenza mensile, trimestrale o semestrale. Il beneficiario può scegliere tra un prestito a tasso fisso oppure variabile.

Ma chi può ottenere il finanziamento? Hanno accesso ai prestiti Unicredit Nuove Imprese – Start Up esclusivamente i soggetti che sono iscritti alla Camera di commercio. Iscrizione che non deve essere avvenuta da oltre 21 mesi alla data di presentazione della domanda.

Ai fini dell’accesso al credito è necessario anche il rilascio di una garanzia eligibile Confidi pari ad almeno il 60% del finanziamento accordato.

Come ottenere finanziamenti senza busta paga

Concludiamo questa guida dedicata ai prestiti convenienti specificando che per chi è senza busta paga esistono diverse alternative, tra le quali è bene ricordare i prestiti cambializzati.

Questi prodotti, che stanno tornando ad essere popolari dopo diverso tempo, si basano appunto sul rimborso di cambiali, che vanno pagate entro una determinata data. Accessibili anche senza busta paga, possono essere richiesti pure da chi è segnalato in Crif come cattivo pagatore.

Per questi motivi i prestiti cambializzati sono contraddistinti da un tasso d’interesse più alto rispetto a quello applicato ai prestiti tradizionali.

In alternativa è possibile ottenere prestiti senza busta paga ricorrendo alla firma di un garante. Soluzione che consente di ottenere somme anche piuttosto elevate. La firma del garante infatti è una delle garanzie maggiormente accettate da banche e società finanziarie.

Affinché la richiesta di prestito venga accettata è necessario che il garante soddisfi alcune condizioni. Innanzitutto è necessario che il garante abbia un’età compatibile coi requisiti anagrafici fissati dall’istituto di credito che concede il prestito.

Il garante deve inoltre poter contare su un buon profilo creditizio, ossia non deve essere segnalato come cattivo pagatore. Difficilmente inoltre banche e finanziarie saranno disposte a concedere il finanziamento se il garante ha in corso altri prestiti.

Come scegliere i finanziamenti migliori

Ma come capire quali sono i prestiti convenienti? La convenienza di un prestito viene definita dal valore del Taeg. Si tratta del tasso che rappresenta il costo complessivo del finanziamento.

Da non confondere con il Tan, infatti, il Taeg è il valore che indica su base annua tutte le spese applicate al prestito. Il Taeg quindi comprende sia il valore del Tan che le altre voci di spesa obbligatorie.

Sono dunque incluse nel calcolo del Tasso Annuo Effettivo Globale (detto anche indicatore sintetico di costo) voci di spesa come i costi di istruttoria della pratica, l’imposta di bollo e le spese di incasso rata.

È il Taeg quindi il valore di riferimento da utilizzare quando si desiderano confrontare varie offerte di prestiti convenienti e trovare i migliori. In questo modo infatti è possibile avere una chiara idea del costo dei vari finanziamenti.

Indice contenuti