prestiti d'onore studenti universitari
Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Offerte prestiti d’onore studenti universitari 2017. I prodotti migliori

Cos’è il prestito d’onore

I prestiti d’onore studenti universitari sono finanziamenti dedicati a chi desidera sostenere un percorso di studi, ma non ha le risorse necessarie. Introdotto nel nostro Paese a metà degli anni ’90 con la legge n. 608/1996 il prestito d’onore è ormai un prodotto molto diffuso in Italia.

Possono beneficiare dei prestiti d’onore sia gli studenti universitari che gli aspiranti imprenditori. Nel primo caso si tratta di finanziamenti pensati per agevolare gli studenti nel secondo di prodotti per sostenere l’avvio e lo sviluppo delle imprese in forma individuale o societarie.

Ma come funzionano i prestiti d’onore studenti universitari? Solitamente il prestito d’onore è un prodotto che prevede la concessione di una somma da rimborsare dopo alcuni mesi. A differenza di quanto accade con i tradizionali prestiti personali, infatti, i prestiti d’onore prevedono un periodo di ponte tra la data di concessione del denaro e l’inizio del rimborso.

La durata di questo periodo varia da prestito a prestito e solitamente è legata al percorso di studi che si desidera finanziarie. Durante il periodo di ponte il beneficiario del prestito non è tenuto a rimborsare né il capitale né gli interessi. Alla fine di tale periodo, il beneficiario inizia a rimborsare il finanziamento con un piano di ammortamento a rate mensili.

Per quanto riguarda gli interessi, solitamente il tasso applicato è agevolato. In alcuni casi è prevista anche una quota di capitale concesso a fondo perduto.

Ma chi può ottenere i prestiti d’onore studenti universitari? I requisiti necessari per ottenere un finanziamento di questo tipo variano a seconda di quanto fissato dalla banca che eroga il prestito. In alcuni casi è l’ateneo di riferimento a stabilire i requisiti da soddisfare. Solitamente si tratta di requisiti di merito, ma possono essere previsti anche requisiti oggettivi.

Le spese finanziabili

Passiamo quindi alla questione delle spese finanziabili. I prestiti d’onore studenti universitari consentono sempre di sostenere i costi dei canoni scolastici e dell’acquisto dei libri di testo.

In alcuni casi è possibile anche inserire tra le spese finanziabili quelle per il soggiorno per gli studenti fuori sede. E alcuni istituti di credito includono tra le spese finanziabili anche quelle per gli eventuali spostamenti e il vitto. In ogni caso è sempre consigliabile concordare le spese ammissibili con la banca che concede il finanziamento.

I migliori prestiti per giovani studenti 2017

Ora che abbiamo passato in rassegna le condizioni dei prestiti d’onore studenti universitari, vediamo quali sono le offerte più interessanti del momento. Prima di analizzare le offerte però è necessario ricordare che i prestiti d’onore per studenti possono essere erogati sia da istituti di credito che da enti pubblici. in questo ultimo caso però si tratta di prodotti piuttosto rari.

Sono molte invece le banche e società finanziarie che riservano un posto nella propria offerta ai prestiti d’onore studenti universitari. Ma passiamo ai prodotti più vantaggiosi tra quelli attualmente attivi.

Iniziamo parlando dell’offerta di Unicredit. La nota banca propone due finanziamenti pensati per rispondere alle esigenze dei giovani studenti universitari. Il primo è UniCredit ad Honorem mentre il secondo prende il nome di CreditExpress Master.

UniCredit ad Honorem è un prestito d’onore per il finanziamento di un percorso di studi universitari. L’accesso al credito è basato sui risultati scolastici e lo studente ha la possibilità di spendere il denaro concesso senza dover rimborsare le somme per un periodo che va da 1 a 3 anni. Tra le spese finanziabili troviamo sia il costo d’iscrizione all’università che quelle di soggiorno.

Una volta trascorso tale periodo, lo studente ha due opzioni. Può infatti scegliere se iniziare a rimborsare il finanziamento o avvalersi di un periodo di ponte. Ipotesi, la seconda, che consente di procrastinare il rimborso del prestito per altri due anni.

Durante tale periodo lo studente avrà quindi la possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro e trovare quindi un impiego che gli consenta di rimborsare il finanziamento. Al termine del periodo di ponte, lo studente dovrà iniziare a rimborsare sia il capitale che gli interessi maturati, aprendo quindi un vero e proprio prestito personale. Il piano di ammortamento può estendersi per un massimo di 15 anni.

Il finanziamento Unicredit per master

Come già accennato, l’offerta Unicredit prevede anche un prestito per finanziare le spese legate a master e corsi di specializzazione in generale. Il prodotto prende il nome di CreditExpress Master e consente di accedere a somme fino a un massimo di 15 mila euro. Il piano di ammortamento può estendersi per un massimo di 96 mesi (periodo minimo 18 mesi).

Il beneficiario può anche scegliere di usufruire di un periodo di preammortamento. Durante il quale si dovranno rimborsare esclusivamente gli interessi. Il preammortamento può estendersi al massimo per 3 anni.

Il prestito d’onore di Intesa San Paolo

Troviamo infine il nostro approfondimento sui prestiti d’onore studenti universitari con l’offerta di Banca Intesa San Paolo. Il prodotto in questione è PerTe Prestito con Lode, un finanziamento destinato agli studenti che sono già iscritti all’università e hanno ottenuto buoni risultati.

PerTe Prestito con Lode permette di finanziare sia gli studi universitari che post-universitari. La somma viene erogata con varie tranche a cadenze semestrali. Le somme concesse possono rimanere nelle disponibilità dello studente per un massimo di 5 anni.

Alla fine di tale periodo, il beneficiario può iniziare a rimborsare il prestito oppure richiedere l’attivazione di un periodo ponte. Questo può durare fino a 2 anni e non prevede il pagamento di alcuna somma. Una volta terminato anche il periodo ponte però il rimborso del prestito sarà inevitabile.

Il pagamento può avvenire in un’unica soluzione oppure con un piano di rimborso a rate mensili, che può estendersi al massimo per 30 anni.