prestiti inpdap banca intesa
Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti Inpdap Banca Intesa agevolati per pensionati e dipendenti pubblici

Offerta prestiti Intesa San Paolo Inpdap 2024

Oltre ai prestiti a tassi agevolati concessi direttamente dalla Gestione ex Inpdap dell’Inps, dipendenti e pensionati afferenti al settore pubblico possono accedere anche a finanziamenti concessi da banche e finanziarie convenzionate con l’ente. sono molti infatti gli istituti di credito che hanno sottoscritto delle convenzionato con l’Inpdap per la concessione di prestiti a dipendenti e pensionati pubblici. Tra le varie offerte troviamo i prestiti Inpdap Banca Intesa.

Banca Intesa SanPaolo è infatti uno degli istituti che concede prestiti convenzionati agli afferenti al settore pubblico. Nello specifico, l’offerta prestiti Inpdap Banca Intesa si compone di due prodotti, uno per i pensionati e uno per i lavoratori dipendenti. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le condizioni applicate e i vantaggi di questi prodotti.

Intesa Sanpaolo Prestito per pensionati

Iniziamo la nostra analisi dell’offerta prestiti Inpdap Banca Intesa con i finanziamenti dedicati a pensionati. Il prodotto prende il nome di Con PerTe Prestito Pensionati INPS. Si tratta di un prestito su cessione del quinto della pensione che consente di ottenere some fino a un massimo di 75 mila euro.

Il tasso di interesse è fisso e il piano di ammortamento può estendersi per un periodo massimo di 10 anni. Trattandosi di un prodotto su cessione del quinto, le rate sono decurtate direttamente dalla pensione mensile del beneficiario. L’importo della rata inoltre non può eccedere un quinto (20%) della pensione mensile netta.

Come suggerisce il nome, Con PerTe Prestito Pensionati INPS non è un prodotto dedicato esclusivamente ai pensionati pubblici, bensì accessibile a tutti i titolari di pensione Inps. Ai fini dell’accesso al credito è necessario inoltre che, al momento della domanda, il richiedente abbia non oltre 82 anni.

Per dare un’idea delle condizioni applicate al finanziamento, riportiamo l’esempio di prestito pubblicizzato sul sito ufficiale della banca. Un pensionato di 70 anni con una pensione netta mensile di 1.000 euro può ottenere un prestito di circa 10 mila euro da rimborsare in 60 mesi con una rata mensile di 200 euro. Il tasso di interesse (Tan) applicato è pari a 6,95% mentre il Taeg si attesta al 7,29%.

Prestito Intesa San Paolo per dipendenti pubblici

Per quanto attiene ai prestiti Inpdap Banca Intesa invece il prodotto di riferimento è Con PerTe Prestito Dipendenti Pubblici MEF. Anche in questo caso parliamo di un prestito su cessione del quinto dello stipendio.

La somma finanziabile va da un minimo di 4.800 euro a un massimo di 80 mila euro. Il finanziamento viene concesso sia per far fronte a spese personali che familiari e prevede un rimborso tramite rate decurtate direttamente dalla busta paga del beneficiario.

La rata di ammortamento non può eccedere un quinto dello stipendio netto e le spese di istruttoria sono a carico della banca. Tra i vantaggi dei prestiti per dipendenti pubblici Intesa SanPaolo è necessario segnalare che le coperture assicurative previste per legge sono a carico della banca.

Trattandosi di un prestito su cessione del quinto, Con PerTe Prestito Dipendenti Pubblici MEF prevede infatti la sottoscrizione di una polizza contro il rischio vita e il rischio impiego. Copertura che interviene sia in caso di morte che di perdita del posto di lavoro del beneficiario.

Indice contenuti