Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

I Nuovi Prestiti Inps per Matrimonio Figlio – Come Funzionano

Il matrimonio è senza dubbio uno dei momenti più delicati e importanti della vita. Una festa da celebrare nel migliore dei modi, ciò però richiede una certa disponibilità economica. In assenza di questo requisito, la via da percorrere prevede il ricorso a banche e finanziarie. Gli iscritti alla Gestione Unitaria e quelli della Gestione Magistrale hanno però un’alternativa ai finanziamenti tradizionali, i prestiti Inps per matrimonio figlio. Cosa offrono e come funzionano? Ecco le risposte.

Prestiti per matrimonio Inps 2024

Quali sono, a chi si rivolgono e come funzionano i prestiti Inps per matrimonio figlio? Nel nostro approfondimento tratteremo due prodotti, uno destinato agli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e l’altro alla Gestione Assistenza Magistrale.

La prima proposta che andremo a valutare è rappresentata dai Prestiti pluriennali diretti Gestione pubblica.

Sono linee di credito contraddistinte da un rimborso su cessione del quinto. Si tratta quindi di un finanziamento che prevede un piano di ammortamento con rate che non possono eccedere la soglia di 1/5 di stipendio o pensione.

La rata viene sottratta alla fonte e quindi il rimborso si verifica in modo automatico. Un vantaggio non secondario per il titolare del finanziamento che non dovrà quindi preoccuparsi di rispettare le varie scadenze del piano di rimborso.

Prestiti pluriennali diretti ex Inpdap: a chi sono rivolti

A godere di questa proposta, che rientra nella categoria dei prestiti Inps per matrimonio figlio, sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Questo però è solo un primo elemento da considerare.

È preferibile anzitutto che il lavoratore disponga di un contratto a tempo indeterminato. Non solo. Sono disposti altri requisiti: quattro anni di anzianità di servizio, altrettanti di contributi forniti alla Gestione unitaria.

Anche quanti dispongono di un contratto lavorativo a tempo determinato possono in realtà godere di questa proposta. Vi sono però da valutare altri vincoli.

Quali sono? Il contratto deve avere una durata di almeno tre anni, il rimborso deve realizzarsi mentre è attivo il contratto e il TFR va fornito come garanzia di rimborso.

Importo e durata

Non tutte le domande sono accolte. Le richiesta deve infatti risultare coerente con le finalità riportate all’interno delle disposizioni Inps. Tra gli utilizzi ammessi rileviamo “matrimonio dell’iscritto o del figlio dell’iscritto”. Ragione che rende i Prestiti Pluriennali diretti dei Prestiti Inps per matrimonio figlio.

La cifra massima per il matrimonio è pari a 23mila euro a fronte di un rimborso che ha una durata di 5 anni. In linea generale però i Pluriennali diretti prevedono piani di ammortamento di cinque o dieci anni.

Il titolare del finanziamento può procedere con l’estinzione anticipata. Il cliente dovrà ovviamente corrispondere il debito residuo e vedrà restituirsi la quota residua pertinente il fondo rischi.

Tassi di interesse 2024 Prestiti pluriennali Inps

Quali sono i tassi di interesse disposti dall’Istituto di previdenza? È applicato il 3,50% come TAN. Sono determinanti per comprendere il valore del finanziamento anche i costi che incidono sul prodotto.

L’Inps ha previsto il pagamento di spese di tipo amministrativo, che si traducono nello 0,50%, cui si aggiunge una quota per il premio fondo rischi.

La richiesta di finanziamento va inoltrata utilizzando i servizi online del sito inps.it, sebbene i dipendenti dovranno contattare l’amministrazione di riferimento.

Cos’è il Prestito Gestione Magistrale Inps 2024

L’altra proposta che rientra nella categoria dei prestiti Inps per matrimonio figlio è costituita dal Piccolo prestito Gestione Assistenza Magistrale.

Si tratta di una proposta pensata per gli insegnanti, in particolare gli iscritti ex ENAM. Come per la linea di credito precedente la richiesta deve rispettare le finalità indicate dall’Inps.

In questo caso gli impieghi previsti sono:

  • nascita o adozione figli;
  • matrimonio proprio o dei figli;
  • decesso familiari;
  • malattie;
  • acquisto della prima casa;
  • manutenzione della prima casa;
  • mutuo per la prima casa;
  • cure odontoiatriche;
  • trasferimento;
  • acquisto automobile;
  • percorsi universitari;
  • eventi straordinari.

Durata, tassi 2024 e requisiti

Il piano di rimborso è più breve rispetto ai Prestiti pluriennali Gestione Pubblica. La durata è infatti di 24 mesi. Piuttosto contenuta anche la somma massima che può essere raggiunta, ovvero due volte lo stipendio del richiedente.

In merito ai costi del finanziamento abbiamo:

  • l’1% della cifra lorda del finanziamento per coprire i costi amministrativi e fondo di garanzia.
  • Risulta poi determinante il tasso di interesse annuo pari all’1,50%.

Quanto ai requisiti, l’iscritto ex ENAM deve risultare in servizio a più di due anni dal pensionamento. Chi è interessato a questa proposta dovrà far pervenire all’Inps la domanda di finanziamento via Web.

Oltre ai prestiti Inps per matrimonio figlio, l’Inps prevede anche altre linee di credito per i suoi iscritti, per ulteriori dettagli sulle opportunità di finanziamento vi rimandiamo alla nostra sezione dedicata alla cessione del quinto.

Indice contenuti