Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Prestiti tra privati sicuri in pochi click, la guida alle migliori proposte di Social Lending

Il Web non è solo uno strumento per comunicare. È diventato, soprattutto negli ultimi anni, una risorsa per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Sulla Rete ci sono solitamente proposte offerte a condizioni interessanti. E questo spinge i consumatori a consultare Internet anche quando hanno bisogno di finanziamenti. Il fenomeno ha condotto a molti effetti, tra cui i prestiti tra privati sicuri, linee di credito che consentono di svincolarsi dai tradizionali sistemi bancari. Ma come funzionano?

Dove trovare i migliori prestiti sicuri tra privati? L’offerta di Prestiamoci

Ricorrere ai prestiti tra privati sicuri è un’opportunità molto valida per quanti vogliono svincolarsi da istituti bancari e finanziarie. Sono inoltre finanziamenti oggi disponibili comodamente online, su piattaforme specializzate.

L’operatore a cui il cliente si rivolge deve garantire il rispetto di standard di sicurezza. Trattandosi di un ambito finanziario, l’attendibilità è uno dei principali fattori da tenere in considerazione.

A chi rivolgersi allora per ottenere prestiti tra privati sicuri? Uno dei punti di riferimento è senza dubbio Prestiamoci, una delle maggiori piattaforme di Social Lending operanti nel nostro Paese.

Si tratta di una finanziaria online iscritta all’Albo degli Intermediari Finanziari e dispone dell’autorizzazione della Banca d’Italia. Non tutti possono ricevere i prestiti tra privati sicuri di Prestiamoci. Viene infatti analizzato il profilo creditizio del cliente, che deve rispettare i requisiti stabiliti dalla piattaforma.

Su prestiamoci.it vengono messi in relazione prestatori e richiedenti privati. Il sistema consente di sfuggire al ricorso agli ordinari istituti di credito. Quali sono quindi le condizioni previste? Il TAN applicato parte dal 3,90%, mentre il TAEG base è del 5,40%.

I finanziamenti possono essere richiesti sia da parte di pensionati che di autonomi e dipendenti. Non sono però ammessi soggetti protestati. Il primo passo da compiere per conseguire il prestito è la registrazione su prestiamoci.it, cui dovrà seguire il processo di invio della domanda (sono richiesti vari documenti). Avviene tutto online.

Gli esperti di Prestiamoci analizzeranno la domanda e se dai controlli emergerà un profilo ritenuto adeguato, la linea di credito verrà immessa nel marketplace. Saranno poi i prestatori a coprire l’importo del finanziamento, quando la somma complessiva è raggiunta il richiedente riceve il contratto da sottoscrivere.

Il processo di rimborso è composto da rate di pari valore che vengono pagate mensilmente attraverso addebito diretto SEPA.

I prestiti da privati di Smartika, come funzionano e calcolarli online

Quanti vogliono un’alternativa nell’ambito dei prestiti tra privati sicuri, possono rivolgersi a Smartika (smartika.it), altra popolare piattaforma online di Social Lending. È un istituto di pagamento che ha ottenuto l’autorizzazione della Banca d’Italia ed è sottoposto alla vigilanza di quest’ultima.

Smartika consente di ricevere prestiti personali a partire da 1.000 euro, la somma limite è 15mila euro. Quanto al rimborso, il piano di ammortamento va da 12 a 48 mesi. Il funzionamento, di fondo, è molto simile a quello illustrato per Prestiamoci.

La domanda viene vagliata e nell’arco di qualche giorno viene comunicata l’eventuale approvazione definitiva. L’approfondimento delle condizioni di rimborso è davvero semplice, sul sito ufficiale è presente un simulatore del piano di rimborso.