Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Il Prestito sociale Coop come forma di investimento, limiti e vantaggi

Cosa sono i prestiti sociali

Nel mercato italiano dei prestiti troviamo una vasta gamma di offerte, che consentono di ottenere somme anche relativamente basse. Uno scenario in cui sono collocati i prestiti sociali, tra cui il prestito sociale Coop.

Modulabili a seconda delle esigenze, i prestiti sociali sono pensati per rispondere alle esigenze di chi si trova in difficoltà. Stiamo parlando di linee di credito caratterizzate da specifici requisiti e rivolte a quanti non possono accedere ai prestiti tradizionali. Si tratta di prodotti che in passato erano piuttosto difficili da ottenere, ma oggi fortunatamente sono più semplici da trovare.

I prestiti sociali vengono concessi alle cooperative o a chi ne fa parte. Ragione per cui non possono essere erogati in favore di persone fisiche o aziende. Tra le offerte di prestiti sociali più rilevanti troviamo appunto il prestito sociale Coop, caratterizzato da un meccanismo piuttosto semplice.

A differenza di quanto si potrebbe pensare infatti il finanziamento non è concesso in favore dei soci coop, bensì da parte loro. Si tratta quindi di una soluzione che permette ai soci di mettere a frutto i propri risparmi.

Come funziona il prestito Coop 2024

Sottoscrivendo il prestito socio coop infatti apre un libretto in cui sono annotate tutte le somme versate. Somme che sono concesse alla cooperativa e che possono essere ritirate, ossia chieste indietro, con la maggiorazione degli interessi.

Il rendimento del prestito ordinario risulta inferiore a quello previsto per il prestito sociale vincolato. Nel primo caso abbiamo dei versamenti che non sono vincolati, ovvero che possono essere ritirati in qualsiasi momento con un minimo di preavviso.

Scegliendo il prestito vincolato invece il socio si impegna a non ritirare le somme per almeno 18 mesi. In entrambi i casi non sono previste spese per l’accensione della linea di credito e la somma massima prevista per il prestito è di 36.350 euro.

Indice contenuti