Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Come avere finanziamenti con contratto determinato

Prestiti con contratto determinato

Hai un contratto di lavoro a tempo indeterminato e stai cecando una soluzione di accesso al credito? I finanziamenti con contratto determinato esistono e permettono di richiedere prestiti veloci e sicuri.

Sono diverse infatti le banche e finanziarie che hanno messo a punto dei prestiti ad hoc per quanti non possono vantare un’elevata anzianità lavorativa. In linea di massima si tratta di prestiti dedicati ai più giovani. Ma è possibile trovare anche prestiti rapidi a condizioni flessibili accessibili anche a lavoratori precari ed atipici di tutte le età.

Prestiti personali su cessione del quinto

Quando si parla di finanziamenti con contratto determinato è necessario citare anche la cessione del quinto. Si tratta di una particolare soluzione di prestito personale che consente di ottenere somme di denaro anche importanti.

La peculiarità dei prestiti su cessione del quinto è che prevedono un piano di ammortamento a rate mensili decurtate direttamente dalla busta paga del beneficiario. Le rate hanno importo costante e il tasso d’interesse è fisso.

Data la loro particolare struttura i prestiti su cessione del quinto sono facilmente accessibili. Banche e finanziarie infatti solitamente sono disposte a concedere prestiti di questo tipo a lavoratori e pensionati. La ragione sta nel fatto che la cessione del quinto è una forma di prestito che presenta diverse tutele per l’ente erogatore.

Di conseguenza gli istituti di credito sono ben disposti a concedere finanziamenti di questo tipo. A tal proposito è necessario precisare che la principale garanzia dei prestiti su cessione del quinto è rappresentata dalla presenza di un contratto di lavoro.

Appare chiaro quindi che in linea di massima gli istituti di credito preferiscono erogare prestiti su cessione del quinto in favore di quanti sono assunti a tempo indeterminato. Tuttavia è possibile anche trovare finanziamenti con contratto determinato.

Cosa cambia in questo caso? In linea di massima sono concesse somme più basse rispetto a quelle accessibili a quanti sono titolari di un contatto a tempo indeterminato. Allo stesso tempo, la banca potrebbe decidere di applicare tassi più alti al fine di tutelarsi dal rischio di insolvenza.

Chi può ottenerli

Ma quali sono i requisiti da soddisfare per ottenere finanziamenti con contratto determinato su cessione del quinto? Come stabilito dall’art. 13/bis della Legge 14 maggio 2005, n° 80 i prestiti su cessione del quinto sono accessibili ai lavoratori dipendenti assunti con contratto a termine.

Il primo requisito da soddisfare quindi è rappresentato proprio dalla titolarità di un contratto di questo tipo. In linea di massima possiamo anche affermare che l’accesso al credito è facilitato se a richiedere il prestito è un soggetto assunto da un datore di lavoro affidabile. Primi su tutti i dipendenti statali, pubblici e para-pubblici.

Poiché più soggetti al rischio di insolvenza rispetto a quanti sono assunti con contratto a tempo indeterminato, ai dipendenti con contratto a termine possono essere richieste anche delle garanzie aggiuntive.

Garanzie che hanno lo scopo di tutelare il più possibile la banca che concede il finanziamento. A tal proposito è possibile utilizzare sia la firma di un garante che garanzie reali, come un’ipoteca sull’immobile di proprietà.

Finanziamenti con cambiali

I finanziamenti con contratto determinato comprendono diversi prodotti, per esempio il finanziamento cambializzato. Prestito veloce e semplice da richiedere, il finanziamento cambializzato si basa sulla firma di titoli esecutivi con natura forzata. I suddetti, proprio alla luce di questa peculiarità, consentono in caso d’insolvenza alla realtà creditizia che li ha emessi di rivalersi sui beni di proprietà del cliente.

Da ricordare quando si parla di finanziamenti con cambiali è l’applicazione di un tasso fisso per tutta la durata del piano di ammortamento, generalmente pari a 120 mesi massimo.

L’interesse, per via dell’accessibilità anche a chi non ha lavoro fisso e ai cattivi pagatori, è un po’ più alto. Il finanziamento in questione è infatti considerato un prodotto a rischio d’insolvenza e le realtà creditizie cercano soluzioni per tutelarsi.

Come già accennato, i finanziamenti con contratto determinato vedono nel prestito cambializzato una soluzione celere e sicura per accedere al credito. I finanziamenti con cambiali sono accessibili anche se non si ha modo di presentare una busta paga fissa, considerata principale garanzia di solvibilità da qualsiasi realtà creditizia.

Chi si trova in questa situazione ha davanti due strade. Può richiedere la possibilità di vincolare il TFR accantonato nel corso della carriera – con la consapevolezza di non poterlo movimentare fino alla fine del piano di rimborso – oppure scegliere di presentare una polizza vita sottoscritta almeno due anni prima.

Prestiti tra privati online

Un’ulteriore alternativa da considerare quando si discute di finanziamenti con contratto a tempo determinato è il social lending, il prestito tra privati che ha iniziato a prendere piede negli USA e che oggi è diffuso e popolare anche in Italia.

Richiedere un prestito tra privati in Italia significa fare riferimento a Smartika e Prestiamoci.it, due broker online che hanno l’obiettivo di gestire le richieste e, soprattutto, di selezionare i profili creditizi dei clienti, che devono per forza avere una busta paga.

Continuiamo a parlare di finanziamenti con contratto determinato chiamando in causa l’esempio di Smartika. Questo portale consente di richiedere prestiti compresi tra i 1.000 e i 15.000€.

Il piano di ammortamento può andare dai 12 ai 48 mesi. Il cliente fin dalla consultazione del sito ha la possibilità di avere le idee chiare sul TAEG selezionando o meno l’opzione dell’assicurazione sul prestito. Copertura che è in generale facoltativa ma può essere richiesta in caso di profili creditizi particolarmente a rischio.

Indice contenuti