Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Chi concede il miglior mutuo surroga a dicembre 2019

Come trovare il miglior tasso surroga mutuo

Tagliare i costi è oggi l’obiettivo di tantissimi consumatori, che a causa dell’instabile panorama lavorativo hanno difficoltà ad affrontare le spese quotidiane. Quello di tagliare i costi è un proposito che può essere applicato non solo alle spese di tutti i giorni, rinunciando magari a qualche piccolo vizio, ma anche ai prodotti finanziari sottoscritti. In particolare, sottoscrivendo un miglior mutuo surroga, che assicura al beneficiario del finanziamento tassi di interesse più bassi.

Una soluzione che sembra essere molto apprezzata dagli italiani, visto che nel terzo trimestre del 2019 il 60% delle richieste di mutuo presentate online hanno avuto questa finalità (dati Crif). Lo scopo della surroga è consentire al titolare di un mutuo di passare ad una nuova banca senza dover sostenere costi tali da rendere l’operazione sconveniente. Per questa ragione dal 2007, la surroga è gratuita nel nostro Paese.

Consente di ottenere tassi di interesse migliori, ma anche di ridurre le spese applicate per commissioni, gestione della rata, lo spread e tutte le altre voci di spesa previste da contratto. Allo stesso tempo, è possibile modificare la durata del piano di ammortamento e la frequenza delle rate. L’unica voce che non può essere modificata è l’importo del finanziamento, destinato a rimanere invariato.

Surroga mutuo tassi migliori: le offerte più vantaggiose

Ma qual è la banca che richiede il miglior mutuo surroga? Una risposta valida per tutti non esiste, ma è abbastanza facile individuare gli istituti di credito che applicano le condizioni più vantaggiose.

Se si considera la surrogazione di un finanziamento ipotecario da 50 mila euro con durata ventennale, attualmente una delle offerte migliori è quella di Intesa SanPaolo: Tan allo 0,85% e Taeg all’1%. Alla fine del piano di ammortamento il cliente rimborsa 54.388,02 euro.

Se invece si ricorre a Bnl, il Tan è dello 0,95% e il Taeg si attesta all’1%. In questo caso, il costo complessivo del finanziamento è di 54.920,06 euro.