Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Guida al servizio prestiti Inps calcolo rata online. Ecco come procedere

Simulazione dei prestiti Inps ex Inpdap

I prestiti ex Inpdap rappresentano una grande opportunità per i lavoratori e i pensionati pubblici che hanno necessità di accedere al credito. Si tratta infatti di linee di credito a tasso agevolato che consentono di accedere a somme anche importanti. Di recente l’Inps ha introdotto un servizio prestiti Inps calcolo rata, che consente di stimare la rata direttamente online. Vediamo come funziona.

Il servizio prestiti Inps calcolo rata è disponibile per tutti gli utenti, anche per quanti non sono in possesso del codice Pin Inps. Per raggiungerlo è sufficiente collegarsi con il sito ufficiale dell’Inps, e seguire il percorso: “Home – Prestazioni e Servizi – Gestione Dipendenti Pubblici: Simulazione Calcolo Piccoli Prestiti e Prestiti Pluriennali”.

Come procedere

Grazie al servizio prestiti Inps calcolo rata, i lavoratori e i dipendenti pubblici hanno la possibilità di orientarsi tra le varie offerte di prestito messe a disposizione dalla Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps.

È sufficiente inserire nell’apposito form i dati richiesti, dopodiché il sistema propone i preventivi di tutti i finanziamenti disponibili per il richiedente, in base al reddito percepito (piccolo prestito annuale, piccolo prestito biennale, prestito pluriennale quinquennale, ecc.).

Nello specifico per ogni prestito sono indicati: l’importo massimo finanziabile, l’importo della rata mensile e le varie spese applicate al finanziamento. I tassi di interesse sono fissi a prescindere dalla durata del finanziamento e dall’importo massimo erogabile e sono pari a: il 3,5% per i prestiti pluriennali e il 4,25% per i piccoli prestiti.

Calcolo della rata e piano di ammortamento

Il servizio mette a disposizione dell’utente tre modalità di simulazione: simulazione prestito, simulazione per importo specifico e simulazione per rata ideale. Il calcolatore è semplicissimo da utilizzare: basta inserire nell’apposito form lo stipendio percepito (al netto delle tasse) e la data di nascita del richiedente.

Ricorrendo a una simulazione per rata ideale o per importo specifico sarà necessario indicare anche la rata mensile che si ritiene sostenibile o, nel secondo caso, l’importo di cui si ha bisogno. In pochi secondi il sistema proporrà tutti i finanziamenti accessibili al profilo di richiedente proposto.

Simulazioni personalizzate

Va tuttavia ricordato che le simulazioni effettuate con il calcolatore Inps sono da considerarsi solo esempi informativi. Quanti desiderano effettuare una simulazione personalizzata devono accedere alla sezione dedicata alla Gestione Dipendenti Pubblici del sito Inps con il proprio Pin Inps e da lì selezionare i servizi per il cittadino.

In questo modo si potranno effettuare preventivi di prestiti Inps ex Inpdap tenendo conto anche della situazione previdenziale e lavorativa del richiedente.

Prestiti per dipendenti poste 2017

Con la soppressione dell’Inpdap l’Inps ha assorbito tutte le sue funzioni, inclusa l’erogazione dei prestiti agevolati ai dipendenti di Poste Italiane e società collegate. Finanziamenti per i quali, proprio come i prodotti dedicati ai dipendenti e pensionati pubblici, è possibile effettuare delle simulazioni online tramite lo specifico servizio prestiti inps calcolo rata Ipost.

Ma facciamo innanzitutto il punto sui prestiti Inps per dipendenti Poste. L’offerta si compone di due prodotti, i piccoli prestiti e prestiti pluriennali Inps ex Ipost.

I piccoli prestiti ex Ipost consentono di accedere a somme fino a un massimo di otto mensilità medie nette percepite dal richiedente. Il piano di rimborso può andare da uno a quattro anni e il Taeg è fisso al 5%.

Per quanto attiene i prestiti pluriennali invece sono previste durate di 5 o 10 anni e il tasso (Taeg) è del 3,5%. Sono concessi esclusivamente per far fronte a specifiche necessità, come stabilito nel relativo Regolamento consultabile online, sul sito inps.it.

La somma finanziabile viene definita in sede di domanda. In ogni caso il prestito viene concesso nei limiti della quota cedibile dello stipendio mensile del richiedente, per un importo massimo di mille euro.

Come effettuare il calcolo della rata

Come utilizzare il servizio prestiti Inps calcolo rata Ipost? Per effettuare una simulazione di calcolo di piccolo prestito o prestito pluriennale Inps ex Ipost è necessario raggiungere l’apposito servizio (percorso: Home – Prestazioni e Servizi – Calcolo dimostrativo prestiti) e inserire nel form di calcolo l’importo lordo della retribuzione mensile del richiedente. In questo modo si otterrà l’importo massimo concedibile.

Quota cedibile della pensione

Ricordiamo infine da giugno 2016 è presente anche un servizio dedicato ai pensionati Inps, che consente di calcolare la quota cedibile della pensione. Quota che, lo ricordiamo, corrisponde alla rata massima prevista per i finanziamenti contro cessione del quinto della pensione.

Il calcolo viene fatto nel rispetto della salvaguardia del trattamento previdenziale minimo stabilito per legge. La quota cedibile risultante è considerata al netto delle trattenute previdenziali e fiscali. Il servizio per il calcolo della quota cedibile è rivolto a tutti i pensionati Inps.