Il sito inpdap-prestiti.it non è in alcun modo collegato ad INPS ed INPDAP, è solo un blog informativo NON ufficiale dedicato ai dipendenti ed ex dipendenti ora pensionati pubblici.

Ecco come risparmiare sul mutuo e trovare l’offerta migliore

Come trovare le offerte mutui più convenienti del 2020

Quando si ricerca un finanziamento, invidiare il prodotto meno costoso significa risparmiare somme anche consistenti. Tassi di interesse e spese periodiche hanno infatti un’incidenza considerevole sul costo del mutuo, e possono deciderne la convenienza. Vediamo quindi qualche semplice regola per risparmiare sul mutuo.

La prima cosa da fare per individuare il mutuo più conveniente è valutare lo spread. Questo valore indica infatti il guadagno della banca sul finanziamento, ossia il costo che l’istituto di credito applica direttamente al cliente per la concessione del mutuo.

Lo spread concorre alla formazione del tasso di interesse, sommandosi al parametro di riferimento utilizzato: Eurirs per i mutui a tasso fisso, Euribor per quelli a tasso variabile. Di conseguenza maggiore è il valore dello spread, più alti saranno gli interessi da corrispondere.

Altro valore da considerare è il Taeg. Rappresenta il costo reale del finanziamento, ossia tutte le spese cui il beneficiario deve obbligatoriamente far fronte, espresso in misura percentuale. Oltre all’interesse puro, comprende le spese accessorie, i costi di perizia e sottoscrizione e diverse altre voci di spesa.

Come per il Tan, il Taeg indica il costo annuo del finanziamento e di conseguenza può essere facilmente confrontato. Basta paragonare il Taeg di due mutui per riconoscere con un solo sguardo quello più economico.

Risparmiare sui mutui con le agevolazioni prima casa

L’attuale normativa consente di risparmiare sul mutuo grazie alle detrazioni fiscali riconosciute a chi richiede il finanziamento per l’acquisto della prima casa. In questo modo è possibile ridurre significativamente i costi del mutuo.

Per gli interessi passivi è prevista una detrazione Irpef del 19%, calcolata su un importo massimo pari a 4 mila euro annui. Le agevolazioni sono riconosciute sia per finalità di acquisto che di ristrutturazione o costruzione della casa. Per ottenerle è necessario essere in possesso di tutti i requisiti previsti dalla normativa vigente.